Regolamento sigillo professionale

8 Giugno 2010 | 0 commento | in Regolamentazione | di Demattè Fabrizio
See the full read

Ogni Chimico può richiedere all’ Ordine territoriale l’emissione di un Sigillo professionale secondo il regolamento allegato.

Regolamento sigillo professionale

timbro_legno_3_36

Firma elettronica di ruolo(speciale per professionisti-convenzione Chimici)

7 Giugno 2010 | 0 commento | in Regolamentazione | di Demattè Fabrizio
See the full read

Per ottenere la firma elettronica il Chimico deve attenersi a quanto previsto dal Consiglio Nazionale dei Chimici (12 e 13 marzo 2010, FIRMA DIGITALE DI RUOLO) e pertanto deve avere nel certificato elettronico della firma l’Ordine di appartenenza come terzo interessato .

L’Ordine dei chimici del Trentino Alto Adige ha deciso di avvalersi di Aruba quale fornitore del servizio di posta elettronica certificata.

Per ottenere la firma la procedura è semplice:

  1. si richiede via WEB,
  2. si paga ad ARUBA,
  3. si ritira nella sede dell’Ordine personalmente previo identificazione.

Sono autorizzati alla consegna anche alcuni consiglieri e quindi potrà avvenire anche a lato di incontri pubblici o delle riunioni del Consiglio.

Per accedere all’acquisto deve collegarsi a:
https://www.pec.it/Convenzioni.aspx

e digitare il codice convenzione:

FDCHIM4815

(in alternativa se in area protetta https://www.pec.it/FirmaDigitale_Convenzioni.aspx?convenzione=FDCHIM4815 )

Selezionare l’ordine di appartenenza e quindi procedere con l’acquisto:

scegliere il tipo di kit: cliccare su richiedi subito.

Poi l’utente si registra come persona fisica e segue tutti i passi proposti sino alla conclusione con il pagamento. Tra i vari dati da inserire l’utente troverà i campi:

  • n. iscrizione,
  • n.sigillo (talvolta coincidono)
  • da menu a tendina: titolo (chimico, chimico iunior etc)
  • menù a tendina Sezione.

L’utente ricevera’ una e.mail con i parametri di accesso al suo profilo:  quindi per consultare copia delle fatture, o altro.
Una seconda e.mail di conferma d’ordine in cui potrà verificare tutti i dati inseriti.

ATTENZIONE

I DATI NON SARANNO PIù MODIFICABILI UNA VOLTA SCRITTI NELLA CHIAVETTA/SMART CARD QUINDI SE ARRIVA ALL’ORDINE UN KIT CON NUMERI DI ISCRIZIONE O SIGILLO SBAGLIATI TORNERANNO AD ARUBA E SI RICOMINCIA DA CAPO LA PROCEDURA.

Dopo qualche giorno l’utente ricevera’ una e.mail in cui gli viene comunicata l’emissione del kit e che entro qualche girono il kit sarà disponibile per il ritiro presso la segreteria dell’Ordine.

Al momento della consegna del kit la segreteria avra’:

  • busta cieca (con codice pin e puk)
  • kit ( lettore + smart card)
  • modulo di registrazione ( in tale modulo sono riassunti tutti i dati inseriti dall’utente  e saranno verificati dall’addetto dell’ORDINE .

Il richiedente firmerà il modulo n.  3 firme quadro E  – n. 1 nel quadro F.

Inoltre dovrà essere allegata copia del doc. identita’ inserito nel modulo di registrazione. La segreteria dovra’ firmare nel quadro F nello spazio riservato all’IR (=Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige).

Una copia del modulo di registrazione la terra’ la segreteria nella cartella dell’iscritto. L’originale unitamente al doc. id. verranno raccolti, periodicamente ogni 3/4 mesi, verranno spediti a:

ArubaPec SpA
Via S. Ramelli 8
52100 Arezzo

L’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige è inserito come terzo interessato e pertanto nel caso di sospensione dall’Ordine, Cancellazione, trasferimento o altre previsti; dovra’ chiedere sospensione o revoca dei certificati inviando la richiesta via e.mail.

Giochi della Chimica 2010 all’ITI “M. BUONARROTI” 22-5-2010

22 Maggio 2010 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio

Giochi della Chimica 2010 all’ITI “M. BUONARROTI” 250 studenti delle scuole del Trentino Alto Adige alla selezione Regionale dei giochi 2010 In centocinquanta minuti 60 quesiti di chimica per gli studenti impegnati nei giochi. I giochi della chimica si sono svolti sabato 15.05.2010 nell’aula Magna dell’ITI Buonarroti. La manifestazione i “Giochi della chimica”, patrocinata dal Ministero della Pubblica Istruzione, ha lo scopo di preparare e selezionare i quattro studenti che parteciperanno alla XLII edizione delle Olimpiadi Internazionali della Chimica dal 19 al 27 luglio 2010 a Tokyo. Gli studenti provenienti dalle scuole superiori di lingua italiana e di lingua tedesca delle province di Trento e Bolzano, suddivisi nelle categorie A, B, C si sono impegnati nella risoluzione di impegnativi test, i migliori classificati sono stati premiati sabato 22.05.2010 presso Istituto Tecnico Industriale M. Buonarroti e dal 29 al 31 maggio e parteciperanno alla fase Nazionale dei Giochi a Frascati (Roma). Negli ultimi anni gli studenti del triennio chimici si sono fatti onore, ottenendo ottimi piazzamenti sia a livello nazionale sia alle Olimpiadi Internazionali di Bombay, Copenaghen, Atene e Taipei; la cerimonia di premiazione di sabato costituisce un evento importante in quanto coinvolge non solo i docenti gli allievi e le loro famiglie, ma anche Dirigenti Scolastici, rappresentanti del mondo dell’industria, rappresentanti della Società Chimica Italiana (SCI), Chimici professionisti ed è quindi un momento di confronto e discussione che permette di ideare collaborazioni con il mondo delle imprese per la formazione dei futuri Tecnici Industriali del settore chimico. In quest’ottica l’Ordine dei Chimici del Trentino Alto-Adige quest’anno ha patrocinato l’iniziativa ritenendola non solo un evento didattico ed educativo, ma un evento importante per quanto riguarda la formazione dei futuri professionisti della chimica.

Convocazione assemblea 15-5-2010

6 Maggio 2010 | 0 commento | in Bilanci | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio

A tutti i Colleghi Iscritti

Loro domicili

Oggetto: Assemblea generale dell’Ordine dei Chimici del Trentino – Alto Adige

Cari Colleghi, vi invito cordialmente a partecipare all’Assemblea generale dell’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige, organizzata presso la Distilleria Marzadro, a Nogaredo (TN), via per Brancolino n. 10.

La riunione è arricchita dalla partecipazione di una Rappresentanza del CNC e da due interventi di carattere scientifico.

Programma della giornata

  1. 9.20-9.30 Accoglienza
  1. 9.30-10.30 Assemblea generale Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige
  • Discorso introduttivo del Presidente.
  • Esame del Bilancio Consuntivo 2009 e Previsionale 2010
  • Confronto tra gli iscritti
  1. 10.30-11.30 Visita guidata alla Distilleria Marzadro S.p.A.

Una interessante visita all’interno dello stabilimento alla scoperta del processo di produzione dei prodotti della Azienda.

  1. 11.30-12.15 Conferenza:
  • Introduzione e moderazione

a cura del prof. Armando Zingales 1

  • La mela, frutto ricco di sostanze capaci di prevenire l’invecchiamento”

a cura del prof. Romano Silvestri 2

  • La metabolomica come scienza di frontiera per lo studio della mela e di altri alimenti vegetali nell’era della post-genomica”

a cura del dr. Fulvio Mattivi 3

  1. 12.15-13.00 Rinfresco conviviale
  • Un momento conviviale a base di prodotti tipici locali

Il Presidente

(dott. Andreas Verde)

“La Chimica tra Adamo ed Eva” Il ruolo della Chimica nella ricerca attorno alla mela.

5 Maggio 2010 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio

Distilleria Marzadro, 15 maggio 2010 ore 11.30 Nogaredo (TN)

“La Chimica tra Adamo ed Eva”

Il ruolo della Chimica nella ricerca attorno alla mela

Per tutti i Chimici interessati, un appuntamento di grande spessore scientifico, l’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige, ha pensato di organizzare un evento per conoscere l’eccellenza professionale in una sessione formativa. A lato dell’Assemblea annuale l’Ordine ha invitato due noti Chimici legati alla Regione che condivideranno i successi delle loro ricerche. L’evento è aperto a tutti i Chimici e sarà moderato dal presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici prof. Armando Zingales 1. Il frutto biblico, che la tradizione raffigura con una mela, è oggetto di dono tra Adamo ed Eva progenitori dell’umanità. Studiare questo frutto con la Chimica è un po’ tornare ai primordi dell’umanità, scavare nelle conoscenze fino a giungere a particelle indivisibili A-TOMI.

Parlare di mele in regione Trentino Alto Adige significa ribadire un impegno territoriale dei Chimici, mentre i temi trattati aprono all’universalità della scienza Chimica. La sede dell’incontro non è scelta a caso, la distilleria è uno dei luoghi dove, per primo il Chimico ha concretizzato la teoria salvaguardando la salubrità e qualità dei prodotti. La Chimica non è solo un carburante, un farmaco, un materiale plastico o una vernice ma anche tutto ciò che è vita. La vita stessa si basa su meccanismi che la Chimica cerca di spiegare e prevedere. I relatori illustreranno, ai Chimici presenti, i fronti più avanzati della scienza Chimica, disciplina dinamica quanto l’intelletto umano. I due interventi avranno per titolo “La mela, frutto ricco di sostanze capaci di prevenire l’invecchiamento” a cura del prof. Romano Silvestri 2, e “La metabolomica come scienza di frontiera per lo studio della mela e di altri alimenti vegetali nell’era della post-genomica ” curato del dr. Fulvio Mattivi 3 Questo evento fa parte di un insieme di iniziative intraprese dall’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige al servizio dei propri iscritti ed a vantaggio del ruolo sociale del Chimico.

1.Presidente Consiglio Nazionale dei Chimici

2.Docente presso l’Università di Roma 1

3.Istituto Agrario S. Michele all’Adige

Ordine dei Chimici Trentino Alto Adige

Accredia ente unico di accreditamento

30 Dicembre 2009 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio

Fonte www.accredia.it  22-12-2009 (accredia fusione di SINAL e SINCERT)

ACCREDIA È L’ENTE UNICO ITALIANO DI ACCREDITAMENTO
Il percorso di unificazione del sistema italiano di accreditamento è finalmente compiuto con
la conferma di ACCREDIA nel ruolo di Ente unico nazionale.
La svolta attesa è arrivata. La designazione di ACCREDIA, quale Ente unico italiano di
accreditamento è stata ufficializzata, con la sigla da parte dei Ministri interessati all’attività di
accreditamento.
L’Italia è dunque riuscita a rispettare la scadenza imposta dal Regolamento n. 765/08.
Si completa così un percorso partito nel lontano 2002, quando un Protocollo d’intesa siglato da
tutte le principali categorie interessate, con il Ministro Marzano, aveva indicato nell’Ente unico di
accreditamento un punto qualificante per le politiche italiane in favore della qualità.
In questo momento è doveroso porgere il ringraziamento al Governo, ed in particolare al Ministro
Scajola ed a tutta la struttura del Ministero dello Sviluppo Economico. La scelta di riconoscere un
soggetto privato, per lo svolgimento di un ruolo che il Regolamento comunitario qualifica “di
pubblica autorità”, è senza dubbio coraggiosa, ma per nulla azzardata.
E’ una scelta condivisa e sostenuta anche dagli altri Ministeri già Soci dell’Ente dalle
organizzazioni imprenditoriali, dal sistema camerale e da altri grandi Enti pubblici nazionali, dagli
Enti di normazione, dagli operatori del sistema di valutazione della conformità e da tutti gli altri soci
di ACCREDIA, dai consumatori, al mondo della consulenza. A tutti va il nostro sentito
ringraziamento.
Questo traguardo non sarebbe stato raggiunto senza l’intelligenza e la determinazione con cui il
personale e gli amministratori di SINAL e SINCERT, primo fra tutti il Prof. Paoletti, hanno
progettato ed attuato il progetto di fusione.
La credibilità che i due Enti hanno costruito nel tempo, a livello nazionale ed internazionale, è una
dote che non dovremo disperdere. Rappresenta la base sulla quale costruire un Ente più ampio,
nel quale possano trovare ruolo attivo anche le altre competenze che hanno fatto la storia
dell’accreditamento in Italia.
La sussidiarietà tra pubblico e privato sarà, domani ancor più di ieri, il modus operandi di
ACCREDIA. Confermeremo ed irrobustiremo la trasparenza, l’indipendenza, l’imparzialità.
Rafforzeremo l’impegno nell’ambito internazionale, dove l’Italia dovrà avere, come in passato, un
ruolo importante, a vantaggio del sistema imprenditoriale e di tutti gli operatori interessati.
Ai Ministeri che oggi ci hanno dato un così rilevante segno di fiducia lanciamo un messaggio di
disponibilità e di proposta. ACCREDIA, nella logica costruita dal pacchetto regolamentare
dell’Unione Europea, potrà rappresentare l’ultimo anello di garanzia della filiera della valutazione di
conformità, nel campo volontario e negli ambiti regolamentati, con la capacità di coniugare
l’efficienza operativa e la garanzia del rispetto delle competenze istituzionali, perché la qualità del
sistema economico italiano sia assicurata, riconosciuta e valorizzata.
Il Presidente
Cav. del Lav. Federico Grazioli

Risposta del presidente Dellai alla Conferenza stampa

24 Dicembre 2009 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio

Comunicato stampa PAT 22.12.2009 Dellai in qualche modo, risponde all’Ordine.

Comunicato stampa 17-12-2009

16 Dicembre 2009 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio



COMUNICATO STAMPA

Ordine dei Chimici del Trentino-Alto Adige

Ignorare i Chimici fa male alla salute

Discarica di Monte Zaccon, Inceneritore di Ischia Podetti, Acciaierie di Borgo Valsugana, Carbochimica, Sloi, oppure Amianto, Benzene, Diossine, Piombo sono parole e realtà che inducono preoccupazione nella popolazione. C’è però un modo chiaro per valutare i reali problemi di salute: esistono DATI OGGETTIVI e limiti di legge. Chi può produrre dei dati sulle contaminazioni ambientali? Chi può verificare se i dati forniti sono veritieri? Chi può leggere e interpretare questi dati? A cosa servono i professionisti se non a rispondere delle loro perizie? A tutti è evidente che un certificato medico lo può emettere solamente un Medico, non è altrettanto scontato che il certificato di analisi chimiche dovrebbe essere parimenti prodotto e interpretato da un Chimico.

La logica del massimo profitto porta a eliminare quei vincoli, limiti e imposizioni volti a tutelare la salute pubblica, per evitare costi considerati superflui, ignorando che economia ed ecologia sono sinonimi sempre più convergenti. I costi sociali dovuti a malattie correlabili alle contaminazioni da sostanze inquinanti sono, di fatto, a carico del sistema produttivo e in ultima analisi della collettività: non è economicamente conveniente eludere ai controlli ambientali.

I Chimici del Trentino-Alto Adige svolgono ruoli di prestigio presso gli Istituti di ricerca agraria di S. Michele e di Laimburg, le Università locali, gli Istituti Tecnici Industriali, nella scuola in generale e ricoprono vari incarichi, anche di responsabilità, nelle diverse industrie chimiche private, sparse sul territorio regionale.

In Alto Adige la direzione generale dell’Agenzia provinciale per la protezione ambientale (Appa) è da sempre affidata alla competenza di un Chimico, così come per l’annesso laboratorio chimico, mentre nel Trentino l’Amministrazione provinciale si avvale delle specifiche competenze di Chimici limitatamente al solo laboratorio. Accade, che i concorsi per coprire posizioni di vertice nell’ambito dell’Agenzia per l’Ambiente o del laboratorio di Chimica clinica dell’Ospedale S. Chiara, siano inspiegabilmente preclusi al Chimico.

Per controllare e contrastare le attività illecite, gli Enti Locali sono dotati di personale e strumentazione in misura adeguata a svolgere con rigore e tempestività gli accertamenti richiesti? Per la determinazione delle diossine è necessario uno “spettrometro di massa ad alta risoluzione”, ne esiste uno in Trentino?

Se si fossero operati controlli più estesi e più frequenti in quel di Borgo Valsugana, si sarebbe impedita la possibile contaminazione ambientale o evitato l’allarme sociale.

I Chimici del Trentino-Alto Adige offrono:

  1. a mezzo dell’Ordine, di raccogliere tutte le segnalazioni di “mala-chimica”, non solo in campo ambientale, usando i seguenti contatti:

Fax: 0461.825768 email: ordine.trentinoaltoadige@chimici.org

  1. i Professionisti Chimici del Trentino-Alto Adige offrono la loro competenza ed esperienza in tutte quelle situazioni ove la conoscenza della chimica sia utile o necessaria, per definire situazioni, proporre rimedi, verificarne la reale efficacia.
  2. la promozione culturale mirata alla conoscenza della chimica applicata al quotidiano, a partire dalle Scuole, dove si vorrebbe eliminarla dai percorsi primari con la proposta della nuova riforma.

Il neo Direttivo dei Chimici del Trentino-Alto Adige chiede:

  1. alle Amministrazioni Provinciali di Trento e di Bolzano di essere maggiormente coinvolto e consultato, in questioni dove necessitino dei professionisti, a partire dai concorsi ed incarichi pubblici in materia di ambiente, salute pubblica e sicurezza.
  2. alla Procura della Repubblica di Trento accesso agli atti, per valutare e verificare comportamenti deontologicamente scorretti, per ottemperare alla propria funzione istituzionale, assegnatagli dallo Stato.
  3. l’intervento dell’Ordine di Brescia, competente sui laboratori coinvolti nei recenti avvenimenti.

L’Ordine condanna in primis ogni comportamento scorretto che lede l’immagine stessa dell’Ordine e con essa la sua funzione istituzionale di tutela della salute pubblica e condanna, altresì, ogni tipo di limitazione della libertà di giudizio del Chimico nell’espletamento della sua professione.

Trento 17-12-2009

Ordine dei Chimici Trento

Il Presidente

dott. chim. Andreas Verde

chimicitrentinoaltoadige.wordpress.com

Conferenza stampa Giovedì 17 dicembre 2009

16 Dicembre 2009 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio

Con la presente l’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige è ad invitaLa alla conferenza stampa che si terra’:

—- Giovedì 17 dicembre 2009 ore 10:30 ——–

in via Zambra 16 Trento  (parallela a via Brennero nelle vicinanze del Top Center), presso la sede degli Ordini professionali Medici,
Veterinari, Farmacisti e Chimici.

Oggetto:
L’Ordine dei Chimici intende esprimersi sui recenti accadimenti  di contaminazioni  ambientali, offrendo alcune soluzioni sia per evitare
che le attività umane mettano a repentaglio la salute pubblica, sia per evitare allarmismi infondati nella popolazione.

Verrà consegnato in sede di conferenza il comunicato stampa.

Per dettagli organizzativi e concordare interviste al Presidente
contattare il consigliere Dott. Demattè Fabrizio  3407783803

Incontro con il presidente Dellai 25-11-2009

26 Novembre 2009 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio

Su invito del Presidente della Provincia autonoma di Trento,  i presidenti di Ordini e Collegi (tra cui  il dott. chim. Andreas Verde) sono stati ascoltati per la scrivenda nuova legge che regola le professioni in Trentino.

cliccare qui per il link

primo<   3435363738394041424344   >ultima