Venerdì il Circolo della stampa ha ospitato l’ultimo appuntamento di Chimicapisce/Chemiekapieren, serate formative promosse dall’Ordine dei chimici del Trentino-Alto Adige.

Si è parlato soprattutto di «chimica verde»: ingredienti e materie prime ecocompatibili, minor spreco di risorse, minori costi energetici.

L’intervento di Marino Melissano, consigliere dell’Ordine regionale ed anche di quello nazionale, fondatore insieme a Giuseppe Tondini ed a Gabriele Ansaloni nel 1981 dell’«Associazione consumatori Alto Adige» oggi Altroconsumo (http://www.altroconsumo.it) si è soffermato anche sulle nanocellulose.

Si tratta di nuovi materiali scoperti all’Università di San Paolo (Brasile), che sono composti da fibre di banane ed ananas ed hanno una maggiore resistenza rispetto ad omologhi materiali sintetici come il kevlar.

In Europa, lo dice un’indagine promossa dalla Commissione Europea, solo il 22% dei cittadini intervistati ritiene la chimica scienza utile, in Italia questo dato scende al 9%. Melissano ha quindi sottolineato come «la sinergia della chimica con altre scienze ed altre professioni può aiutare nel ricercare uno sviluppo più sostenibile». Ad esempio si sta cercando di riprodurre la fotosintesi clorofilliana in laboratorio, con la «foglia artificiale» frutto di sintesi di cobalto, nichel e silicio.

Ma la ricerca nel campo della chimica può anche aiutare a ridurre l’impronta ecologica nei paesi occidentali. Per le attuali dotazioni del pianeta, ogni uomo potrebbe oggi disporre di 1,78 ettari di terra per la propria esistenza. Solo in India ed in Etiopia si rispetta però questa indicazione, in Italia per mantenere il livello di benessere servono oggi 4,2 ettari a persona.

Fabrizio Demattè, membro del consiglio regionale dell’ordine, ha cercato di dare risposta ad alcune allarmanti notizie di cronaca.

Il pesto alla genovese è cancerogeno? Lo sarebbe se una persona mangiasse circa 2,1 Kg di pesto ogni giorno. E gli antitraspiranti provocano il tumore al seno? «Non ci sono studi – spiega Demattè – che mostrano una correlazione tra l’alluminio (metallo contenuto negli antitraspiranti) ed il tumore al seno. Ma ci sono invece degli studi che mostrano una correlazione tra alta concentrazione di alluminio ed Alzheimer». Nei nostri fiumi in regione l’alluminio è presente come sostanza che contrasta una troppo elevata concentrazione di fosforo.

L’Ordine regionale dei chimici si ritroverà in assemblea mercoledì 25 maggio alle 18 nella sede di via Zambra a Trento. L’ordine durante il mese di ottobre organizzerà altri eventi in regione, nell’ambito della settimana internazionale della chimica. Altre informazioni al sito http://chimicitrentinoaltoadige.wordpress.com.

Demattè Fabrizio

About Fabrizio Demattè

Consigliere dell'Ordine Trentino Alto Adige, delegato alla comunicazione, già referente per la formazione, referente per il GdL REACH/CLP. https://www.chimicodematte.net/