CORSI ECM gratuiti in FAD

7 Aprile 2020 | 0 commento | in Formazione permanente obbligatoria | Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

Si segnala che sul sito AGENAS sono disponibili dei corsi gratuiti in FAD. Per semplificare pubblichiamo la stampa in PDF dei corsi. Molto utili per chi non potendo lavorare deve rimanere a casa a causa del distanziamento sociale.

Si consiglia di consiglia di consultare periodicamente il sito https://ape.agenas.it/Tools/Eventi.aspx per trovare altre risorse, con bassi costi o gratuite, specialmente offerte da enti pubblici.

Si consiglia anche di tenere d’occhio il sito ufficiale dell’ Ordine perchè è in corso l’attività di accreditamento dei corsi ECM anche in FAD.

Proroga pagamento e delibere

3 Aprile 2020 | 0 commento | in Disposizioni Generali | Homepage | Notizie | Pagamenti | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

Gentili colleghi vi diamo pubblicazione di due delibere importanti per la nostra vita di iscritti.

  1. La delibera che sposta l’obbligo di pagamento della quota annuale (rimasta invariata rispetto agli anni precedenti) alla stessa data a cui la Federazione nazionale ha spostato la data per gli obblighi di pagamento a loro favore.
  2. Per fare chiarezza e definire in maniera più chiara una prassi consolidata. Precedentemente la prassi era di tollerare richieste fino all’immissione in ruolo (comunicazione degli iscritti che devono pagare) all’ente riscossore. Si delibera che ogni eventuale cancellazione dell’Albo vada richiesta entro il 31 dicembre di ogni anno. Vale a dire che le richieste effettuate nei primi giorni di gennaio di un anno solare impongono COMUNQUE il pagamento della quota per quell’anno.

Sostanze pericolose: dalla sintesi al consumatore REACH2020 TAA

3 Marzo 2020 | 0 commento | in #REACH2018 | Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

  Trento 3 marzo 2020

OGGETTO:  Comunicato stampa iniziativa

Progetto:

“Sostanze pericolose: dalla sintesi al consumatore REACH2020 TAA.

La filiera che può offrire all’industria ed ai cittadini un uso sicuro delle sostanze chimiche pericolose.”

Come già nel 2018 L’Ordine Regionale dei Chimici e dei Fisici del Trentino Alto Adige – Südtirol (ORCFTAA) torna a parlare di REACH, dopo due anni di pieno regime attuativo. Perché con il regolamento europeo n. 1907(RACH) del 2006:

  • si tutela la salute umana e dell’ambiente,
  • si stimola la competitività del tessuto produttivo,
  • si conferisce ai consumatori il potere di rendere il mercato più sano.

L’ORCFTAA torna nel 2020 con #REACH2020-TAA a parlare, in Regione Trentino Alto Adige, di uso sicuro delle sostanze chimiche in articolato progetto di incontri che parte dal primo anello della catena gli industriali, poi commercianti e piccole imprese, a seguire i consumatori, studenti, associazioni ambientaliste, una tappa specifica con il mondo scientifico. Quattro incontri seminabili preparatori ed uno finale plenario. A partire dal 4 marzo a Lavis (TN), il 25 marzo presso la Camera di Commercio di Bolzano, il 22 aprile Bolzano, il 15 maggio presso L’università di Trento e per finire il giorno 28 maggio a Bolzano presso il NOI techpark di Bolzano con un incontro generale ambizioso.

Dal 2006 anno di pubblicazione al 2018 anno di entrata a pieno regime il Regolamento REACH rappresenta qualche cosa di nuovo nel panorama normativo europeo, italiano e locale. Dal 2018 l’Ordine ha iniziato a collaborare stabilmente con Confindustria Trento che per primo nel 2007 affrontò il regolamento REACH, con essa collabora particolarmente per la formazione dei chimici inseriti nel sistema industriale. Grazie al Reg. REACH emergono rischi per la salute non conosciuti e rischi per il sistema produttivo e commerciale della Regione Trentino Alto Adige.

La sfida dell’intero progetto è quella approfondire la tematica con tutti i principali portatori di interesse raccogliendo in tutti gli incontri sintesi ed istanze, sensibilità e linguaggi differenti per portarli infine in un momento di confronto e di comunicazione trasversale. Nello spirito del regolamento REACH che stimola con precisi obblighi la comunicazione di tutti gli attori della filiera di approvvigionamento. Dal produttore al consumatore lungo tutta la filiera.

Quest’anno il “convegno diffuso” sarà maggiormente sbilanciato sulla provincia di Bolzano e approfondirà particolarmente sulla filiera commerciale nella quale tutti siamo coinvolti.

L’ORCFTAA si è fatto latore di questo nuovo modo di vedere le sostanze chimiche, promuovendone la valenza pubblica lo spessore e trasversale. L’ORCFTAA parla del regolamento REACH e del regolamento CLP promuovendo il ruolo del chimico come professionista della scienza chimica e professionista sanitario quale figura per affrontare con competenza le sfide di questo Regolamento e del mercato che regola.

Il progetto iniziativa dell’ORCFTAA e sotto la direzione scientifica del dott. chim. Fabrizio Demattè con la collaborazione dei portatori di interesse del territorio.

Allegato programma di massima:

Progetto: “Sostanze pericolose: dalla sintesi al consumatore REACH2020 TAA.

La filiera che può offrire all’industria ed ai cittadini un uso sicuro delle sostanze chimiche pericolose.”

Idea Portatori di interesse Date
1 Sanzioni REACH: meglio evitarle.   Industriali TN e BZ Autorità preposte ai controlli. 4 Marzo 2020 Lavis
2 Chimica nascosta Quali oggetti possono essere immaginati senza vernici, vernici, plasticanti o odori e adesivi? Quasi tutti i prodotti di uso quotidiano contengono materiali le cui proprietà sono dovute a composti chimici. REACH e la filiera commerciale: Rischi sanzione, rischio concorrenza, trasparenza delle informazioni come elemento di vantaggio.  Commercio, Artigianato, Camere di commercio 25 Marzo 2020 Bolzano
3 REACH per tutti: strumenti utili per la tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente. Strumenti da usare a vantaggio dei cittadini e di una economia sana.   Consumatori Giornalisti Ambientalisti Scuole    22 Aprile 2020 Bolzano
4 La rivoluzione della chimica europea. Nuove sostanze, nuove sintesi, nuove analisi. I chimici dove sono? Ordine dei Chimici e altri Ordini, Società Chimica Italiana, Università di Trento 15 Maggio 2020 Trento
5 Incontro plenario: Una norma di prodotto di grande rilevanza. Curare la competitività del tessuto produttivo prevenendo e tutelando la salute e l’ambiente. I quattro Moderatori riportano la sintesi del lavoro fatto nei seminari tematici. E si cerca di fare sintesi. Province, Regione, INAIL, ECHA, Ministero Salute 28 Maggio 2020 Bolzano

Logo dell’iniziativa rappresenta un ragazzino dell’età indicativa del regolamento stesso (2006) che affronta un percorso in un mondo pulito e sano. Maneggia con disinvoltura oggetti contundenti e pericolosi perché ha imparato a conoscerli e a gestirli, applicando conoscenza rigorosa e molto esercizio ed impegno.

TUTTI I Moduli revisione marzo 2019

13 Marzo 2019 | 0 commento | in Attività e procedimenti | Disposizioni Generali | Homepage | Notizie | Organizzazione | Pagamenti | Prima Pagina | Regolamentazione | Servizi erogati | di Demattè Fabrizio
See the full read

Qui tutti i moduli aggiornati per le attività con l’Ordine Chimici e Fisici, le nuove revisioni dei moduli tengono conto del cambio di sede del 1.3.2019.

Si fa riferimento e si rimanda alle note sotto per il PERIODO TRANSITORIO.

  • Iscrizione
  • Iscrizione in regime transitorio (fino a giungo 2019)
  • Trasferimento
  • Reiscrizione e Cancellazione

Link ai moduli per la dichiarazione di lettura dell’informativa ESTESA a favore dell’ OCFTAA  e della FNOCF per il trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento U.E. 2016/279 che vanno compilati e consegnati contestualmente alla domanda di iscrizione.  https://www.chimicifisicitaa.org/informativa-sul-trattamento-dati-personali/


NOTA:  nella seduta di dicembre 2018 il consiglio ha deliberato di azzerare la tassa di iscrizione.


Sono disponibili i moduli per l’iscrizione di Chimici e Fisici che rientrano nei nuovi obblighi di iscrizione all’Ordine per l’esercizio della loro rispettiva professione.

Si ricorda che il periodo transitorio è in vigore fino al 5/6/2019, dopo tale data sarà necessario per tutti esibire l’evidenza dell’abilitazione ottenuta con l’esame di Stato per l’abilitazione alle rispettive professioni.

Secondo quanto prescritto la “commissione d’albo” ed il Consiglio dell’Ordine delibererà in merito alle domande di iscrizione entro i 90 giorni.

I moduli vanno scaricati, stampati compilati (è possibile anche compilare i moduli con appositi software gratuiti disponibili), con l’apposizione della marca da bollo consegnati o spediti in forma cartacea alla segreteria dell’Ordine (indirizzo nei contatti del sito nuova sede in via LIDORNO 6 Trento).

La revisione dei moduli del 13-3-2019 annulla e sostituisce ogni revisione precedente.

Si riportano i dettami normativi che delimitano il “regime transitorio”

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 23 marzo 2018

Ordinamento della professione di chimico e fisico. (18A03879) (GU n.128 del 5-6-2018)

Articolo 6

  1. In via transitoria, per un anno e comunque fino all’adozione di specifico regolamento recante modifiche e integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio della professione di chimico, i Consigli direttivi degli Ordini dei chimici e dei fisici provvedono, su domanda, all’iscrizione alla sezione A – settore Chimica e alla sezione B – settore Chimica, di coloro che hanno conseguito, rispettivamente, uno dei titoli di studio di cui alle tabelle A e B allegate al presente decreto e che dimostrino:

a) di svolgere da almeno cinque anni attività di professore universitario di ruolo o aggregato, ovvero ricercatore o loro equiparati degli enti di ricerca nazionali;

b) oppure di svolgere o aver svolto per almeno cinque anni attività di dirigenti ovvero di dipendenti di enti pubblici o privati nel profilo professionale di chimico, rientranti nella contrattazione collettiva del comparto sanità;

c) oppure di svolgere da almeno cinque anni attività come dirigenti o dipendenti pubblici o privati nel profilo professionale di Chimico, rientranti nella contrattazione collettiva di altri comparti;

d) oppure di avere svolto da almeno cinque anni l’attività di esperto qualificato con relativa iscrizione all’elenco ai sensi del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230.

5. In via transitoria, per un anno e comunque fino all’adozione di specifico regolamento recante modifiche e integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio della professione di fisico, i Consigli direttivi degli Ordini dei chimici e dei fisici provvedono, su domanda, all’iscrizione alla sezione A – settore Fisica e alla sezione B – settore Fisica, di coloro che hanno conseguito, rispettivamente, uno dei titoli di studio di cui alle tabelle C e D allegate al presente decreto e che dimostrino:

a) di svolgere da almeno cinque anni attività di professore universitario di ruolo o aggregato, ovvero ricercatore o loro equiparati degli enti di ricerca nazionali;

b) oppure di svolgere da o aver svolto per almeno cinque anni attività di dirigenti ovvero di dipendenti di enti pubblici o privati nel profilo professionale di Fisico, rientranti nella contrattazione collettiva del comparto sanità;

c) oppure di svolgere da almeno cinque anni attività come dirigenti o dipendenti pubblici o privati nel profilo professionale di fisico, rientranti nella contrattazione collettiva di altri comparti;

d) oppure di avere svolto da almeno cinque anni l’attività di esperto qualificato con relativa iscrizione all’elenco ai sensi del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230;

e) oppure aver conseguito la specializzazione in fisica medica o fisica sanitaria.

IMPORTANTE: TRASFERIMENTO SEDE

27 Febbraio 2019 | 0 commento | in Amministrazione Trasparente | Homepage | Notizie | Organizzazione | Personale | Prima Pagina | Regolamentazione | Servizi erogati | di Demattè Fabrizio
See the full read

Con la presente siamo a comunicare ai Chimici e Fisici del Trentino Alto Adige che dal 1° marzo 2019 la sede dell’Ordine sarà locata presso la società che fornirà servizio di segreteria:

Via Lidorno, 6 38123 Trento (TN) presso
Sedigit S.r.l.

L’Ordine ha un nuovo numero telefonico dedicato: 350 589 6499

La segreteria è telefonicamente disponibile: dal lunedì al venerdì 09.30-12.30 ; 14.30-18.00

La segreteria è aperta al pubblico: il martedì e giovedì 09.30-12.30 ; 14.30-18.00 (si chiede cortesemente di preavvisare la propria venuta)

In base alla disponibilità è possibile concordare diverso giorno su appuntamento.

La email e la PEC dell’Ordine rimangono le stesse: ordine.trentinoaltoadige@chimici.org ordine.trentinoaltoadige@pec.chimici.org

Indicazioni su come raggiungere la nuova sede:

  • Se venite dall’autostrada: uscire a Trento sud quindi alla prima rotonda prendere la prima strada a destra e alla seconda rotonda la prima strada a destra in direzione Aeroporto/Museo Caproni; proseguire per ca. 1 km, ca. 100 m dopo la Protezione Civile e ca. 200 m prima dell’Aeroporto Caproni, trovate sulla destra uno stabile bianco con fascia soprattetto blu. L’ingresso è un cancello scorrevole subito all’inizio dello stabile. Si deve suonare il campanello Sedigit per farsi aprire. All’interno del piazzale antistante allo stabile c’è un ampio parcheggio. Andare fino in fondo allo stabile al 3° arco, la porta di ingresso e a dx sotto porticato vicino alla colonna.
  • Se venite dalla tangenziale/altre strade: dovete uscire/arrivare alla rotonda di Trento sud e quindi imboccare l’uscita in direzione Aeroporto/museo Caproni; proseguire per ca. 1 km, ca. 100 m dopo la Protezione Civile e ca. 200 m prima dell’Aeroporto Caproni, trovate sulla destra uno stabile bianco con fascia soprattetto blu. L’ingresso è subito all’inizio dello stabile. Fermarsi nella piazzola davanti al cancello e suonare il campanello per farsi aprire. All’interno del piazzale antistante allo stabile c’è un ampio parcheggio. Andare fino in fondo allo stabile, la porta di ingresso e a dx sotto il piccolo porticato.
  • E possibile raggiungere la sede con mezzi pubblici si consiglia di consultare il sito https://www.trentinotrasporti.it/ per linea e orari.

Adempimenti trasparenza e anticorruzione 2019

29 Gennaio 2019 | 0 commento | in Altri contenuti - Accesso civico | Altri contenuti - Corruzione | Amministrazione Trasparente | Attività e procedimenti | Controlli e rilievi sull'amministrazione | Controlli sui fornitori | Disposizioni Generali | Homepage | Notizie | Organizzazione | di Demattè Fabrizio
See the full read

Per gli obblighi di legge si da pubblicazione dei documenti che seguono in elenco:

  • Aggiornamento 2019 Piano prevenzione corruzione ORCFTAA 2018-2020
  • Aggiornamento 2019 Programma trasparenza ed integrità ORCFTAA 2018-2020
  • Aggiornamento Codice comportamento ORCFTAA 2019
  • Aggiornamento Regolamento accesso agli atti ANAC ORCFTAA 25.01.2019
  • Scheda Relazione RPC_Anno 2018_ORCFTAA-S

CREDITI ECM le nuove regole della formazione per chimici

29 Gennaio 2019 | 0 commento | in Formazione permanente obbligatoria | Homepage | Notizie | Prima Pagina | Regolamentazione | di Demattè Fabrizio
See the full read

Di seguito diamo pubblicazione del manuale per la formazione continua in medicina ECM inviateci dalla Federazione Nazionale dei Chimici e dei fisici.

Sono elencati i criteri di attribuzione dei ECM.

Si segnala inoltre che sul sito http://ape.agenas.it/Tools/Eventi.aspx si possono trovare molti corsi ECM di cui molti in Formazione a Distanza, e molti anche gratuiti per cui, filtrati quelli accreditati per chimici, si possono trovare molte occasioni di formazione non onerosa.

Sito di riferimento per gli ECM

11 Dicembre 2018 | 0 commento | in Formazione permanente obbligatoria | Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

 

 

In questo sito è possibile trovare tutte le informazioni riguardanti gli ECM che sono  lo strumento per continuare  l’aggiornamento e lo studio della professione.

http://ape.agenas.it/ecm/normativa.aspx

Si trova il manuale e le modalità di esonero ed esenzione.

Si trovano anche gli eventi accreditati ECM sul territorio nazionale, con la possibilità di filtrare per “chimici” e “fisici” ed avere eventi che siano inerenti alle diverse professioni.

 

Assemblea generale dell’Ordine dei Chimici del Trentino – Alto Adige [29 APRILE 2017]

7 Aprile 2017 | 0 commento | in Notizie | Organizzazione | di Demattè Fabrizio
See the full read

L’Assemblea generale dell’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige, che si terrà Venerdì 28 APRILE 2017 ad ore 03.00 in prima convocazione e SABATO 29 APRILE 2017 AD ORE 11.15 IN SECONDA CONVOCAZIONE presso la sede dell’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige in Via Zambra 14, a Trento.
Ordine del Giorno
1. Relazione del Presidente

2. Lettura ed approvazione del Bilancio consuntivo esercizio 2016

3. Presentazione bilancio preventivo esercizio 2017
Precederanno la riunione, a partire dalle ore 09.00, due ore di corsi di formazione continua professionale, con test finale.  [iscrizione come di consueto sul sito formazione.chimici.it]
Il programma proposto è il seguente:

 09.00-11.00 Corso (2+1 CFP ordinistici) (l’argomento sarà comunicato a breve)

 11.00-11.15 Pausa caffè

 11.15-12.15 Assemblea Iscritti (1 CFP ordinistico)
La frequentazione del corso dalle 09.00 alle 11.00 e la presenza all’assemblea garantiranno ai partecipanti l’assolvimento dei 3 CFP ordinistici obbligatori per l’anno 2017.
 Dalle 12.15 Rinfresco

Per motivi organizzativi inerenti alle attività formative e per il servizio di ristoro è richiesta prenotazione a mezzo email all’indirizzo della segreteria ordine.trentinoaltoadige@chimici.org.

Il Presidente

Assemblea annuale iscritti 6-6-2015

26 Maggio 2015 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

A tutti i Colleghi Iscritti

Loro recapiti

 

Oggetto: Assemblea generale dell’Ordine dei Chimici del Trentino – Alto Adige

 

Cari Colleghi, vi invito cordialmente a partecipare all’Assemblea generale dell’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige, che si terrà

 

sabato 06 giugno 2015 ad ore 03.00 in prima convocazione e

 

SABATO 06 GIUGNO 2015 AD ORE 09.00 IN SECONDA CONVOCAZIONE

 

presso la sede dell’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige in Via Zambra 14, a Trento.

 

Ordine del Giorno

 

  1. Relazione del Presidente
  2. Lettura ed approvazione del Bilancio consuntivo esercizio 2014 (pubblicato sul sito dell’Ordine)
  3. Illustrazione bilancio preventivo esercizio 2015
  4. Interventi degli Iscritti

 

Alla riunione seguiranno, a partire dalle 10.15, due sessioni di corsi di formazione continua professionale di un’ora ciascuna, con test finale.

 

Il programma proposto e il seguente:

 

  • 09.00-10.00  Assemblea Iscritti
  • 10.00-10.15  Coffe pause
  • 10.15-11.15  Corso: “Il chimico liberamente dipendente, le tutele delle libertà professionale del chimico dipendente e la centralità del codice deontologico rispetto al contratto di lavoro” (1+1 CFP ordinistici)
  • 11.15-12.15  Corso: “argomento REACH” (titolo esatto ancora in via di definizione. Segue aggiornamento sul sito dell’Ordine) (1+1 CFP)

ISCRIZIONE AI CORSI SUL NUOVO PORTALE    http://formazione.chimici.it/

  • Dalle 12.15   Rinfresco

Per motivi organizzativi inerenti alle attività formative e per il servizio di ristoro è richiesta prenotazione a mezzo email all’indirizzo della segreteria ordine.trentinoaltoadige@chimici.org.

Il Presidente

(dott. chim. Andreas Verde)

 

Professionisti “liberamente dipendenti”

14 Dicembre 2014 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

Nel seguente documento viene sviscerata la figura del chimico dipendente di ente pubblico:

– si configurano i casi dove sia possibile ipotizzare l’esercizio abusivo della professione;

– si danno indicazioni sul mantenimento dell’iscrizione

– si danno indicazioni sul’ onere economico del mantenimento di iscrizione con annessa formazione, assicurazione ecc ecc.

– si chiarisce che anche i dipendenti pubblici che “nei fatti” esercitano la professione di chimico debbano essere iscritti all’ordine e debbano esser soggetti al codice deontologico.

__________________________________________________________________________________________________________________________________

CONSIGLIO NAZIONALE DEI CHIMICI

PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Prot: 616/14/cnc/fta                                                                                           Roma, 11 dicembre 2014

Parere del Consiglio Nazionale dei Chimici del 28 novembre 2014 su oneri di
iscrizione all’Albo nel caso di chimici dipendenti.

E’ stato posto a questo Consiglio il quesito circa la determinazione del soggetto su cui deve gravare l’onere della spesa di iscrizione all’Ordine dei Chimici nel caso di pubblici dipendenti.

Si deve preliminarmente richiamare la definizione normativa di “libertà professionale” e, di conseguenza di “libero professionista”, novellata, tra gli altri, dal D.Lgs. 2 febbraio 2006 n. 30: “Ricognizione dei principi fondamentali in materia di professioni, ai sensi dell’articolo 1 della legge 5 giugno 2003, n.131”.

Tale D.Lgs al Capo II — Principi fondamentali — reinterpreta alla luce della evoluzione della società cosa si debba intendere per libertà professionale e quindi come debba qualificarsi il libero professionista. Recita, infatti, l’ art. 2: “Nell’esercizio dell’attività professionale è vietata qualsiasi discriminazione, che sia motivata …. da ogni altra condizione personale o sociale, secondo quanto stabilito dalla disciplina statale e comunitaria in materia di occupazione e condizioni di lavoro”.

E l’art. 3 specifica: “L’esercizio dell’attività professionale in forma di lavoro dipendente si svolge secondo specifiche disposizioni normative che assicurino l’autonomia del professionista”.

Si evince chiaramente che la libertà professionale è un valore incomprimibile tale che l’esercizio dell’attività professionale in forma di lavoro dipendente deve svolgersi secondo specifiche disposizioni normative che assicurino l’autonomia effettiva del professionista.

In ambito Comunitario la libera professione è regolata dalle norme contenute nel Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, e in particolare, gli artt. 49-55 (Libertà di stabilimento), artt. 56-62 (Libera prestazione di servizi), artt. 101-109 (Concorrenza).

In tale corpus normativo la libera professione si configura quale prestazione di un servizio immateriale di elevato valore e dal carattere spiccatamente intellettuale, sulla base di una formazione (universitaria) di alto livello, caratterizzata dall’interesse pubblico del servizio prestato, dall’indipendenza professionale ed economica nell’esercizio delle funzioni, dalla prestazione resa a titolo personale — sotto la propria responsabilità — e in modo professionalmente indipendente.

E ancora, qualifica la “libera” professione l’esistenza di un particolare rapporto di fiducia tra committente e prestatore di servizi, la prevalenza dell’interesse del prestatore a offrire un’assistenza ottimale rispetto all’interesse a ottenere il massimo (lecito) guadagno e, infine, l’ottemperanza a regole professionali e deontologiche precise e rigorose.

 

 

Da quanto sopra esposto deriva che non riveste alcuna rilevanza, ai sensi della vigente normativa nazionale e comunitaria, il fatto che l’esercizio di una professione “liberale” (libera professione) sia svolta in forma autonoma o quale dipendente da soggetto pubblico o privato.

Pertanto l’attività svolta si qualifica quale professione liberale ed in tal senso quale attività “libero professionale” se il soggetto che la esercita è in possesso del titolo abilitativo a svolgere la professione di Chimico (a seguito del superamento dell’Esame di Stato o del riconoscimento da parte dello Stato Italiano della equipollenza del titolo posseduto in altro Stato); è regolarmente iscritto all’Albo professionale (che esercita il controllo deontologico) e gli è garantita la piena libertà nelle valutazioni relative all’atto professionale, a fronte della specifica assunzione di (personale) responsabilità.

La sottoscrizione dell’atto professionale da parte del professionista attesta che tali condizioni cogenti sono soddisfatte.

Deve essere rilevato che in assenza di tali requisiti (in particolare la responsabilità personale), e in carenza di ulteriori norme, si sarebbe potuto creare una società (a responsabilità limitata) in cui il professionista assumesse se stesso quale lavoratore subordinato “non” libero professionista: in tal modo si sarebbero vanificate le garanzie a tutela del pubblico interesse.

Prima dell’avvento del D. Lgs 30/2006 che ha ridisegnato la figura del libero professionista nel senso sopra prospettato, il legislatore proprio per evitare l’elusione delle norme deontologiche (ma anche per motivi di diversa natura, assolutamente non condivisibili) aveva previsto con l’art 2 della L. 23 novembre 1939, n. 1815 (legge abrogata) il divieto di costituire, esercire o dirigere, sotto qualsiasi forma diversa da quella dello studio associato, società, istituti,uffici, agenzie od enti, che svolgessero attività professionale.

Il legislatore nel 2006 con il suo intervento ha ben chiarito che il professionista dipendente di ente pubblico o privato è vincolato in modo preferenziale ma non esclusivo nei confronti dell’ente che lo ha incardinato nella sua pianta organica, mentre da un punto di vista della deontologia il professionista risponde sempre all’Ordine al quale deve essere iscritto per esercitare mansioni professionali (e così ad esempio il chimico dipendente pubblico che venisse per qualunque ragione radiato dall’albo dei chimici potrà restare all’interno dell’amministrazione con qualsiasi tipo di mansioni ad eccezione di quella di chimico).

Delineata la figura del “libero professionista” quale esercente la professione liberale, ne discende che chiunque eserciti tale professione in qualunque forma, autonoma o dipendente, deve ottemperare all’obbligo di iscrizione all’ Albo dell’Ordine professionale, rispettare i conseguenti obblighi di legge e di regolamento, quali quelli relativi (ad esempio) all’assicurazione obbligatoria e alla formazione continua professionale. Obbligo, quest’ultimo, che questo Consiglio ha regolamentato con proprio atto: “Regolamento recante le disposizioni sulla formazione continua per i professionisti Chimici” (Boll. Uff. Min. Giustizia Anno C30(XV, n. 15, 15 agosto 2014).

Nel merito del quesito posto va quindi ribadita la necessità di iscrizione all’Ordine e del mantenimento di tale requisito per il libero professionista “dipendente”, in particolar modo nel caso in cui tale previsione era contenuta nel Bando di concorso o tra i requisiti dell’incarico, essendo tale elemento fondamentale per il mantenimento del rapporto di lavoro, come evidenziato nella nota prot. 0641362 del Ministero della Difesa — Direzione Generale per il Personale Civile del 21 Settembre 2012 (che si allega) e come facilmente comprensibile ove si consideri, a titolo esemplificativo, il semplice ruolo di autista che assunto come tale in quanto titolare di patente auto ritenesse poi di non rinnovarla.

 

A maggior chiarimento si precisa che ove il Bando di concorso o i requisiti dell’incarico non prevedessero il possesso dell’Abilitazione professionale e dell’iscrizione all’Albo dell’Ordine, il soggetto che svolge la prestazione lavorativa non può essere qualificato “libero professionista o professionista liberale” e, quindi, non può assumere responsabilità né sottoscrivere atti professionali, quali, per il chimico, certificati di analisi e valutazioni in materia di chimica pura e applicata. Se il datore di lavoro, successivamente all’assunzione, richiede l’esecuzione di atti che si qualificano come “professionali” del chimico, deve “contestualmente” assicurare al dipendente, quale che sia la qualifica interna all’organizzazione, la necessaria autonomia e libertà nell’esecuzione dell’atto professionale e quest’ultimo deve provvedere a certificare/autocertificare il possesso dell’abilitazione professionale e dell’iscrizione all’Albo dell’Ordine dei Chimici e il rispetto dei conseguenti regolamenti (ad es, Formazione professionale continua).

In carenza di ciò risulta perseguibile per esercizio abusivo della professione chi svolgono la prestazione e per concorso nel medesimo reato (ove non ricorra il caso di violenza privata) il responsabile gerarchico che l’ha pretesa.

Infine, con riferimento al quesito circa la determinazione del soggetto su cui deve gravare l’onere della spesa di iscrizione all’Ordine dei Chimici (e della formazione continua professionale) nel caso di professionisti (pubblici) dipendenti, deve essere chiarito che questo Consiglio Nazionale non ha titolo ad esprimersi in merito se non nei termini in cui ogni qual volta un determinato requisito “soggettivo” (quale l’iscrizione all’Albo professionale) è richiesto per l’instaurazione del rapporto di lavoro subordinato, ne deve essere garantito, dal soggetto stesso, il possesso per tutta la durata del rapporto.

Nulla esclude, come segnalato dallo stesso Ministero della Difesa nella citata nota, che sulla base di una contrattazione pattizia di natura sindacale, il datore di lavoro e il dipendente possano trovare un diverso accordo sulla ripartizione di tali spese o sulla loro rifusione.

In particolare, per quanto riguarda le spese relative alla formazione continua professionale giova richiamare il decimo “considerato” posto in premessa del citato Regolamento per la formazione continua per i professionisti chimici, “ai sensi dell’art. 7 comma 4 del D.Lgs. 165/2001 “Le amministrazioni pubbliche curano la formazione e l’aggiornamento del personale, ivi compreso quello con qualifiche dirigenziali, garantendo altresì l’adeguamento dei programmi formativi, al fine di contribuire allo sviluppo della cultura di genere della pubblica amministrazione.

PQM

nelle considerazioni esposte è il parere del Consiglio Nazionale dei Chimici.

Il Relatore                                                                                    Il Presidente

Dott. Chim. Eugenio Cottone                                                                            Prof. Chim. Armando Zingales

 

SI ALLEGA IL DOCUMENTO OORIGINALE IN PDF

20141211_Parere CNC su oneri iscrizione all’Albo dipendenti

 

 

 

La chimica della pace: le ARMI CHIMICHE, gli uomini che lavorano per eliminarle, il Premio Nobel.

3 Febbraio 2014 | 0 commento | in Formazione permanente obbligatoria | Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

L’Ordine Regionale dei Chimici Trentino Alto Adige in collaborazione con il MUSE

 propone la serata

La chimica della pace

Le ARMI CHIMICHE, gli uomini che lavorano per eliminarle, il Premio Nobel .

Testamento di Alfred Nobel: ” il mio patrimonio… infine alla persona che più si sia prodigata o abbia realizzato il miglior lavoro ai fini della fraternità tra le nazioni, per l’abolizione o la riduzione di eserciti permanenti e per la formazione e l’incremento di congressi per la pace”

Sabato 1 marzo 2014 Ore 20:30

Presso sala conferenze del MUSE (per dettagli)

Corso del Lavoro e della Scienza 3, Trento

Prof. Ferruccio Trifirò Università di Bologna

Unico membro italiano del comitato scientifico dell’Organizzazione Sovranazionale per la messa al bando delle armi chimiche (OPCW)

A seguire interventi dal pubblico. Modera la dott.ssa Giovanna Moruzzi  chimico

nobel 11462373365_73cb567865_b

Il giorno 10 dicembre 2013 è stato conferito all’OPCW il premio Nobel per la Pace. Una scelta inattesa da quel comitato chiamato ad eseguire le volontà testamentari del  sig. Nobel, viene premiata una organizzazione sovranazionale che si adopera di rimediare all’uso distorto della chimica come arma. Alfred Nobel scienziato, inventò la dinamite che venne usata diffusamente per scopi bellici oltre che civili, devolse una parte consistente dei suoi guadagni in filantropia con una particolare attenzione a diffondere la Pace.

Saranno riconosciuti i Crediti formativi professionali  (2CFP+1 con test finale) per i Chimici che parteciperanno.

Al mattino incontro con gli studenti superiori presso Istituto Tecnico Tecnologico “Michelangelo Buonarroti” – Via Brigata Acqui, 15 – Trento

Aderiscono all’Iniziativa: Forum Trentino per la pace e i Diritti umaniIstituto Tecnico Tecnologico “Michelangelo Buonarroti” USPID – Sez. di TrentoIsodarco – Uff. di TrentoComitato delle associazioni per la pace e i diritti umani Rovereto
Patrocini Società Chimica ItalianaConsiglio Nazionale dei ChimiciComune di TrentoUniversità di TrentoProvincia Autonoma di Trento
Sponsor Intertech – TIS BolzanoE-Pharma TrentoSandoz Rovereto

LOC_chimici_trento_def4

Corso “new entry” per Chimici ancora qualche posto.

1 Aprile 2013 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

NOTA OLTRE LA SCADENZA: Il corso è stato attivato e quindi si svolgerà a partire dal 23 marzo. SONO A DISPOSIZIONE ANCORA DEI POSTI, LE ISCRIZIONI RIMANGONO APERTE. Per informazioni e iscrizione ecco il link https://www.chimicifisicitaa.org/new-entry-chimici/ Locandina aggiornata

0001

CORSO “New Entry”: Formazione assiopratica per Chimici al fine dell’inserimento nel mercato professionale

7 Marzo 2013 | 0 commento | in Formazione permanente obbligatoria | Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

L’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige

propone:

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO

Realizzato con il contributo della Provincia Autonoma di Trento

New Entry” Formazione assiopratica per  Chimici al fine dell inserimento nel mercato professionale.

NOTA OLTRE LA SCADENZA: IL CORSO è ATTIVATO MA SONO A DISPOSIZIONE ANCORA DEI POSTI, LE ISCRIZIONI RIMANGONO APERTE QUALCHE GIORNO ANCORA. 

Per i chimici che vogliono conoscerne le opportunità ma anche le regole della professione, da libero professionista e da dipendente. per i chimici iscritti o che porrebbero iscriversi all’albo anche se fuori dalla provincia di Trento. Utile in preparazione  all’Esame di Stato per l’esercizio della professione chimica.

sabato 23 marzo 2013

ore 9-18

Il chimico, professione protetta: codice deontologico doveri e diritti. dott. chim. Melissano presidente Ordine dei Chimici TAA
Il chimico e l impresa. Tutti gli ambiti di attività professionale. Cosa chiede il mercato ai chimici? dott. chim. Andreas Verde amministratore delegato e consulente

sabato 6 aprile 2013

ore 9-18

La “società di mezzi”, lo studio associato e le nuove forme giuridiche per la professione dott. chim. Andreas Verde amministratore delegato e consulente
Sviluppo di specifiche competenze gestionali finalizzate alla partecipazione a gare di appalto. dott. Gianluca Nettis                           Direttore area,  Centrale Acquisti, Agenzia per i contratti pubblici-Provincia di Bolzano

sabato 13 aprile 2013

ore 9-18

Il chimico digitale:Informatica al servizio del chimico: PEC, firma digitale, logo professionale, Linkedin, blog dott. chim. Fabrizio Demattè consulente chimico

sabato 20 aprile 2013

ore 9-18

D.lgs. 81/2008. Il ruolo del chimico nella sicurezza, attività professionali peculiari. dott. chim. Giovanna Moruzzi consulente in sicurezza e ambiente
Il chimico nella valutazione dei rischi specifici chimico, cancerogeno, rumore. dott.  chim. Walter Rizzoli consulente in sicurezza e ambiente

 

Iscrizioni entro il 10 marzo 2013, il corso sarà avviato con il minimo di 8 partecipanti.

NOTA OLTRE LA SCADENZA: IL CORSO è ATTIVATO MA SONO A DISPOSIZIONE ANCORA DEI POSTI, LE ISCRIZIONI RIMANGONO APERTE QUALCHE GIORNO ANCORA. 

Tutte le docenze saranno presso la sede dell’Ordine Via Zambra 16, Trento.

Sarà richiesto il riconoscimento dei crediti RSPP.

Ad ogni partecipante che avrà frequentato almeno il 60% delle ore corsuali e avrà superato con successo il questionario valutativo finale, verrà
consegnato un attestato di partecipazione.

La quota di partecipazione è di 50 € da versare a mezzo bonifico bancario prima dell inizio delle lezioni con causale “corso new entry 2013”.

Al link http://www.chimicitaa.it/contatti/  si trovano le coordinate bancarie e le indicazioni per raggiungere la sede dei corsi.

Per informazioni e iscrizioni telefonare al dott. chim. Fabrizio Demattè 3407783803 f.dematte[@]chimici.it preferibilmente compila il modulo qui sotto. 

 

 

 

Nano- e Biotecnologia 1-3-2013 Bolzano

14 Febbraio 2013 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

0001

VENERDì 1 MARZO 2013

ORE 14-18  TIS INNOVATION PARK BOLZANO

Vedere e controllare la materia più piccola di un micrometro dalle dimensioni che vanno da 1 a 100 nanometri: questo é quanto permettono di fare la nano-e la biotecnologia, due discipline hightech che stanno conoscendo sempre più successo in diversi settori dell’industria della nostra regione.

Questo evento presenta agli imprenditori e agli esperti del settore un introduzione in queste tecnologie chiave per il futuro illustrando esempi concreti di applicazione in Alto Adige e oltre. I partecipanti potranno così scoprire come queste tecnologie stanno emergendo da molteplici discipline, tra cui: biologia molecolare, chimica, scienza dei materiali, fisica (sia applicata che di base), ingegneria meccanica, ingegneria chimica ed elettronica. Nella seconda parte dell’evento si possono discutere insieme e possibilità che queste tecnologie possono offrire.

 

Iscrizione: Entro il 15 febbraio 2013

product-development@tis.bz.it

Contatto: Johannes Brunner T + 39 0471 068304 L‘evento è gratuito e in lingua  Italiana e tedesca (senza traduzione).

 

 

Destinatari: Aziende dei settori agroalimentare, telecomunicazioni, farmaceutico, biologico, chimico, fisico nonchè le istituzioni pubbliche e tutte le persone interessate all‘argomento. L‘evento è organizzato da:  Ordine dei chimici di Trentino AltoAdige, Assessorato del innovazione, Centro di sviluppo prodotto e nuove tecnologie del TIS

 

 

 

Programma:

14.00 Introduzione e moderazione  Marino Melissano, Presidente del ordine dei chimici Trentino/ AltoAdige

14.15 InterTech – Tecnologie senza frontiere  Johannes Brunner, TIS innovation park

14.45 Graphene – L##Q##avvento di una nuova era  Nicola Prugno, Università  di Trento & Fondazione Bruno Kessler

15.15 Nanolab: Servizi per il settore produttivo Alexander Saxer, Nanolab, Universität Innsbruck

15.45 Pausa 16.00 Biotecnologie per l’agricoltura Michael Oberhuber, Versuchszentrum Laimburg

16.30 Analisi del vino su un chip Stefano Pessotto, 3CI Srl

17.00 Nanotecnologie: una panoramica Fabrizio Estini, Chimico, Nanotecnologo

17.30 Discussione 18.00 Conclusioni Roberto Bizzo, Assessore all’innovazione Rinfresco

 

 

PER ISCRIVERSI CLICCARE QUI

Albo dei Chimici del Trentino Alto Adige

24 Gennaio 2013 | 0 commento | in Notizie | Regolamentazione | di Demattè Fabrizio
See the full read

Albo ON LINE

Ordine dei Chimici Trentino Alto Adige

Nella pagina appositamente creata è possibile trovare l’elenco aggiornato dei Chimici iscritti all’Ordine del Trentino Alto Adige

La pagina ALBO LOCALE riporta la lista completa degli iscritti all’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige è estratta più volte al volte al giorno dall’elenco unificato nazionale (previsto da normative comunitarie) presso il Consiglio Nazionale dei Chimici ed accessibile anche direttamente al sito www.chimici.org questa fonte è l’unica a fare riferimento ufficiale.

L’elenco unificato nazionale è residente sul sito del CNC ma è curato direttamente dal Ordine territoriale per la parte di propria pertinenza come suo compito istituzionale precipuo.

Gli aggiornamenti dell’albo avvengono alle riunioni del Consiglio Direttivo dell’Ordine e vengono riportate nel’elenco unificato nazionale dalla segreteria nei giorni successivi.

Oltre all’elenco completo è possibile verificare se una persona specifica è effettivamente iscritta all’Ordine  e quindi abilitata a svolgere attività professionale di Chimico; inserendone il nome si avranno alcune informazioni di base, i riferimenti di dettaglio per contattare il Chimico possono essere chiesti in segreteria.

 

 

ALBO

 

 

 

Ci si accede dalla HOME PAGE cliccando ALBO LOCALE .

Oltre a questo servizio è possibile anche consultare la sezione ALBO NAZIONALE  che permette di visionare tutti i Chimici in Italia o fare ricerche su tutto il territorio nazionale.

 

 

Riunione di tutti i chimici Trentino Alto Adige 25-1-2013

6 Gennaio 2013 | 0 commento | in Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

Cari colleghi, cari iscritti al nostro ordine,
molte sono le novità che ci hanno visti partecipi nel 2012 e molte le iniziative che pensiamo di mettere in cantiere per l’anno appena iniziato. Ma tutti i nostri sforzi hanno un valore se sono compartecipati e condivisi da voi.

Pertanto, per illustrarvi quello che è stato fatto e quello che intenderemmo fare e per conoscere le vostre opinioni e vostri eventuali ulteriori suggerimenti, abbiamo pensato di organizzare un incontro con tutti voi il giorno 25 gennaio 2013 presso l’Istituto Agrario di S. Michele all’Adige, Sala a pian terreno, dalle ore 17.00 alle ore 20.00, con possibilità di continuare la serata convivialmente a cena dal Ristorante “Da Pino”.

Gli argomenti che vorremmo trattare durante la riunione sono:
– iniziative anno 2012;
– presentazione nuovo sito dell’Ordine e modalità di fruizione/partecipazione e gruppo Linkedin;
– presentazione del corso di formazione finanziato PAT per tutti i chimici ed in particolare per quelli che si accingono ad intraprendere la professione;
– raccolta osservazioni, critiche e proposte da parte dei chimici presenti.
La riunione ha carattere informale ed è aperta anche a chimici non iscritti all’Ordine, ma operanti nel territorio a vario titolo, per raccogliere opinioni e suggerimenti e per rafforzare la nostra professionalità.

Per meglio organizzare l’incontro, vi chiediamo di farci conoscere la vostra disponibilità o meno alla partecipazione alla riunione, con eventuale proseguimento alla cena suddetta (scrivere il proprio nome nella tabella a questo link
https://docs.google.com/spreadsheet/ccc?key=0AgQ3B4PNx45bdEQtLWI1MUlmQ29OOU1MYWVqTTlwZUE
o mandare una email a f.dematte[@]chimici.it).

Con la speranza di avervi fatto cosa gradita e, quindi, di incontrarvi numerosi vi salutiamo cordialmente

Il presidente

dott. chim. Marino Melissano

Obbligo di farsi una PEC entro 28/11/2009

16 Novembre 2009 | 0 commento | in Notizie | Regolamentazione | di Demattè Fabrizio
See the full read

L’art. 16, comma 7, del D.L. 28 novembre 2008, n. 185, cd. “anti-crisi”, convertito – con modifiche – nella legge 29 gennaio 2009, n.2, prevede che:
“I professionisti [leggi “Tutti gli”] iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato comunicano ai rispettivi ordini o collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto.”
E allo stesso comma è altresì previsto che:
“Gli ordini e i collegi pubblicano in un elenco riservato, consultabile in via telematica esclusivamente dalle pubbliche amministrazioni, i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di posta elettronica certificata.”
In relazione a quanto sopra emergono due diversi adempimenti, il primo in capo a tutti gli iscritti, risolvibile attraverso:
a) La comunicazione di un indirizzo PEC al proprio ordine territoriale
b) L’acquisizione di un indirizzo PEC, con la richiesta dello stesso al Consiglio Nazionale, e la contestuale comunicazione dello stesso, attraverso il CNC, per gli adempimenti di legge.
Il secondo adempimento, in carico ai singoli ordini territoriali, sarà risolto attraverso la realizzazione di un sito internet centralizzato contenente pagine dedicate, ad ogni singolo ordine territoriale, da cui accedere ad un database riservato alle pubbliche amministrazioni.

—————-DAL SITO www.chimici.it del CONSIGLIO NAZIONALE DEI CHIMICI—————-

Posta Elettronica Certificata

Che cos##Q##è la PEC?

La PEC è il nuovo sistema di posta che fornisce al mittente garanzie sulla trasmissione, ricezione e sicurezza dei messaggi.

L##Q##invio e la consegna dei messaggi è infatti attestato mediante una particolare ricevuta che il gestore del servizio rilascia al mittente. La ricevuta costituisce prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio ed eventuali allegati, conferendo all##Q##email lo stesso valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Allo stesso modo, il gestore del destinatario invia al mittente la ricevuta di avvenuta consegna. I gestori certificano quindi con le proprie “ricevute” che:

il messaggio è stato spedito 

il messaggio è stato consegnato

il messaggio non è stato alterato

Se il mittente dovesse smarrire le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte, conservata dal gestore per 30 mesi, consente la riproduzione, con lo stesso valore giuridico, delle ricevute stesse.

VANTAGGI:

Semplicità: il servizio PEC si usa come la normale posta elettronica sia tramite programma client (Es. Outlook Express) che via web tramite webmail.

Richiesta attivazione servizio PEC al Consiglio Nazionale dei Chimici

In caso non si possieda una casella PEC è possibile richiedere l##Q##attivazione di una casella di PEC personalizzata utilizzando il seguente modulo di adesione:

– Modulo di adesione al servizio PEC del Consiglio Nazionale dei Chimici:              Scarica il modulo

– Copia del contratto col fornitore di servizi PEC:                                                              Scarica il contratto

  —————————————————————————-

Tipologia di PEC disponibili

STANDARD (gratuita) (L##Q##Ordine dei chimici Trentino Alto Adige consiglia questa opzione previa attivazione di notifica su email convenzionale)

PRO (canone annuo 26,00 + IVA)

PRO + SMS (canone annuo 41,00 + IVA)

 

Per le VERSIONI PRO e PRO + SMS sussiste l##Q##obbligo di comunicazione di eventuale disdetta 60 gg prima della scadenza annuale, in caso contrario il canone dovrà essere corrisposto per l’intera annualità.

Sicurezza: Il servizio utilizza i protocolli sicuri POP3s, IMAPs, SMTPs ed HTTPs. Tutte le comunicazioni sono protette perchè crittografate e firmate digitalmente. Per questo avrete sempre la certezza che i messaggi inviati o ricevuti non possano essere contraffatti.

Valore legale: a differenza della tradizionale posta elettronica, alla PEC è riconosciuto pieno valore legale e le ricevute possono essere usate come prove dell##Q##invio, della ricezione ed anche del contenuto del messaggio inviato. Le principali informazioni riguardanti la trasmissione e la consegna vengono conservate per 30 mesi dal gestore e sono anch’esse opponibili a terzi.

No Virus e Spam: l##Q##identificazione certa del mittente di ogni messaggio ricevuto ed il fatto che non si possano ricevere messaggi non certificati, rendono il servizio PEC pressochè immune dallo spam.

 Come comunicare la propria PEC

 Come richiedere la propria PEC gratuita al CONSIGLIO NAZIONALE DEI CHIMICI 

 

 

Votazioni EPAP 2020

5 Giugno 2020 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

Vi ricordiamo che Quest’anno le votazioni per il rinnovo degli organi EPAP si svolgeranno secondo la recente modifica del regolamento elettorale che prevede la possibilità di candidarsi in liste con votazione esclusivamente per via telematica e la situazione di emergenza sanitaria attuale non permette di poter organizzare incontri con gli iscritti. Le elezioni si svolgeranno dal giorno 11 giugno al giorno 19 giugno 2020.

Precisiamo che ulteriori informazioni si possono ottenere direttamente sul sito EPAP. https://www.epap.it/

Ci è stato chiesto inoltre di informarvi di due webinar che si terranno la prossima settimana per l’incontro con i candidati  per conoscere alcuni dei candidati.

EPAP VOCE AGLI ISCRITTI https://www.epapvoceagliiscritti.com/

per gli iscritti dell’Ordine Regionale dei Chimici e dei Fisici del Trentino Alto Adige — Lunedì 08 giugno 2020 dalle 18:00 alle 19:00https://global.gotomeeting.com/join/316223341

EPAP FUTURA  https://epapfutura.it/

Incontro con i Candidati della lista   Mar 9 giu 2020 18:30 – 20:15  —
 https://us02web.zoom.us/j/82433775897?pwd=WENVVmd4ZWtOd1NzTHIzNWdVOFlUQT09

 

Bilancio consuntivo 2019

3 Giugno 2020 | 0 commento | in Bilanci | Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
Bilancio
See the full read

Si da pubblicazione del Bilancio consuntivo 2019 per opportuna conoscenza degli iscritti che saranno chiamati all’approvazione.

Le condizioni dettate dalla pandemia COVID-19 hanno impedito di convocare l’assemblea nelle tempistiche consuete. In virtù delle deroghe governative si sta cercando una modalità corretta di convocazione rispettando le norme per il distanziamento “biologico” ma per garantire il diritto di voto e controllo dell’esecutivo dell’Ordine da parte dei professionisti iscritti.

Bilancio Consuntivo 2019

Sanificazione il punto di vista chimico

28 Maggio 2020 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

Giorgio Cevasco Presidente della sezione ligure della Società chimica italiana che bene sintetizza il punto di vista chimico.

Corso FAD Chimici e Fisici Venezia

4 Maggio 2020 | 0 commento | in Formazione permanente obbligatoria | Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

Rilanciamo l’iniziativa  dell’Ordine di Venezia: un incontro gratuito per tutti i chimici e i fisici appartenenti all’ Ordine dei Chimici e dei Fisici.

Titolo:

UN NUOVO APPROCCIO AL LAVORO
per una attività di successo
12 maggio 2020, ore 15:30-17:30

L’incontro si terrà su piattaforma multimediale Zoom previo iscrizione

Al seguente link informazioni ed iscrizione per un corso in FAD del Ordine dei Chimici e Fisici di Venezia.
https://www.chimiciefisicivenezia.it/un-nuovo-approccio-al-lavoro/

NOMINA DPO

16 Aprile 2020 | 0 commento | in Altri contenuti - Accesso civico | Altri contenuti - Dati ulteriori | Amministrazione Trasparente | Attività e procedimenti | Consulenti e collaboratori | Controlli e rilievi sull'amministrazione | Disposizioni Generali | Personale | di Demattè Fabrizio
See the full read

Responsabile della Protezione Dati per l’Ordine Regionale dei Chimici e dei Fisici è stata nominata:

Avv. Silvia Boschello

Corso Milano n. 106 – 35139 Padova

Tel. 049/5000200

e-mail: s.boschello@responsabileprotezione.it

Bonus COVID anche per iscritti EPAP

27 Marzo 2020 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

Roma 23 marzo 2020
Prot. n. 00137912020
Care colleghe, cari colleghi,
la situazione drammatica che da giorni stiamo vivendo ci costringe a confrontarci con problematiche non immaginabili. Lo spirito di solidarietà e responsabilità istituzionale che connota il nostro agire è rivolto alle varie
situazioni con le quali i colleghi sono costretti a confrontarsi. Innanzitutto, vi è imprescindibile il dovere di intervenire a supporto di coloro che, personalmente o nell’ambito degli affetti cari, sono colpiti dalla malattia. In secondo luogo, altrettanto primaria è l’esigenza di guardare ai preoccupanti effetti economici che derivano, per tutti noi, dalla eccezionale situazione di blocco – speriamo temporaneo – dell’economia e delle attività produttive, con una evidente ed inconfutabile conseguenza che già oggi è motivo di grave preoccupazione soprattutto per i liberi professionisti che non possono contare su un reddito certo. Ad oggi, non è immaginabile che il danno per i liberi professionisti sia di breve durata e non vi è dubbio che una strategia complessiva, costruita su interventi mirati, si impone.
In questi giorni molti colleghi scrivono al nostro Ente di Previdenza, evidenziando molteplici e variegate difficoltà cui stanno andando incontro e chiedendo, al contempo, quali siano gli interventi che EPAP intende attuare per mitigare gli effetti della pandemia Covid-19. Stiamo cercando di rispondere a tutte le istanze, di iscritti ed Ordini territoriali, auspicando una comprensione per la non immediatezza della risposta e confidando che le comunicazioni di carattere generale che pubblichiamo diano già risposte ad alcuni di questi giusti quesiti. Per questo è continuo e serrato il lavoro che l’Ente sta svolgendo. Si stanno analizzando varie ipotesi di intervento che possano incidere sia sul profilo contributivo, sia sul profilo più strettamente assistenziale e di supporto alla professione, avendo cura di trovare quelle soluzioni che possano ridurre gli svantaggi sia nel breve che nel medio periodo.
Siamo chiaramente consapevoli che i provvedimenti che adotteremo dovranno essere implementati laddove l’evoluzione di questa crisi non venga scongiurata, dovendo in questo caso rispondere ad un ovvio aumento delle problematiche, ad oggi già appalesate.
E’ evidente che qualunque misura allo studio richiede del tempo e deve necessariamente essere preceduta dai doverosi approfondimenti giuridici, dalla fattibilità normativa e dalla attuabilità finanziaria, che consentano al
Consiglio di Amministrazione di valutarne l’effettiva efficacia e la concreta realizzabilità.
Certamente, tali provvedimenti dovranno avere una portata trasversale, in considerazione della pluricategorialità del nostro Ente (attuari, chimici e fisici, dottori agronomi e dottori forestali e geologi), sempre rispettando e dando la giusta priorità all’ eventuale gravità delle situazioni individuali.
Alcuni provvedimenti potranno essere attuati rapidamente in quanto già previsti dai nostri Regolamenti, altri richiederanno l’approvazione dei Ministeri Vigilanti.
Il Decreto “Cura Italia” ha senza dubbio discriminato palesemente i liberi professionisti, anche rispetto ad altre categorie di lavoratori. Ad oggi i provvedimenti del Governo non sono sufficienti a raggiungere gli scopi
anzidetti e vanno sicuramente adottate nuove misure.
In queste settimane è stata peraltro costante e pressante l’azione esercitata dalle Casse – coordinate da AdEPP, l’associazione che raggruppa tutti gli Enti di Previdenza privati – nei confronti del Governo, per rivedere il
DL 17 marzo 2020 n. 18 che esclude i liberi professionisti ordinistici dalla maggior parte dei benefici a sostegno di famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, ma anche per ottenere una deroga agli attuali strumenti regolamentari che ci possa consentire di agire in una situazione emergenziale che,
ovviamente, non può essere gestita con gli strumenti ordinari.
E’ chiaro che, comunque, qualunque provvedimento dell’Ente è da considerare vicario, atteso che ciò cui miriamo è innanzitutto un provvedimento del Governo, che dia ascolto alle richieste degli Enti di rappresentanza dei liberi professionisti e che miri a due risultati: da un lato quello immediato di consentire di alleviare la sofferenza nel breve periodo, dall’altro quello di consentire ai professionisti di beneficiare di misure agevolative alla ripresa dell’attività conseguente al superamento dell’emergenza.
Al primo provvedimento d’urgenza dell’EPAP del 9 marzo u.s., avente come oggetto la sospensione delle scadenze contributive tra il 23 febbraio e il 30 giugno 2020 e delle rate dei piani di rateizzazioni scadenti nel medesimo periodo (https://www.epap.it/coronavirus/), seguiranno prossimi provvedimenti a sostegno degli iscritti e delle attività professionali avendo chiare, anche grazie a quanto ci state evidenziando ed all’azione politica
che stiamo portando avanti con ADEPP, le innumerevoli e cocenti difficoltà alle quali stiamo andando incontro nel contesto di una Nazione che sta affrontando una crisi senza precedenti.
La presente, oltre ad essere un semplice ma sentito segno di vicinanza a tutti i colleghi, vuole essere una informativa, ancorché sintetica, sulle attività che costantemente e giornalmente portiamo avanti, con l’intento di
poter e saper essere utili a tutti i colleghi iscritti al nostro ENTE.
Stefano Poeta

27-3-2020

Cara Collega,  caro Collega,

il Governo (DL 17 marzo 2020, n.18 “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”) ha riconosciuto anche ai professionisti  la corresponsione di un bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting, per le prestazioni effettuate nei periodi di chiusura scolastica, nel limite massimo complessivo di 600 euro, subordinando l’erogazione alla comunicazione da parte delle “rispettive casse previdenziali del numero dei beneficiari”.

Se hai un figlio di età fino a 12 anni e sei interessato al bonus, nel rispetto dell’unicità della richiesta nell’ambito del rapporto genitoriale/familiare, comunicalo tempestivamente all’Epap, compilando il format allegato alla presente e inviandolo all’indirizzo email protocollo@epap.it. Contemporaneamente presenta la domanda  direttamente all’Inps con le modalità di cui alla circolare n. 44 del 24 marzo 2020.

E’ la presentazione della domanda all’INPS che ti consente di accedere al bonus in questione.

Si segnala che l’Inps ha precisato che nel caso di superamento del limite di spesa fissato dalla norma  procederà a ricevere le domande con riserva di ammissione (paragrafo 6, ultimo capoverso circolare Inps).
 

Il Presidente
Stefano Poeta   

FNCF sposta la data per il contributo 2020.

11 Marzo 2020 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

La FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI CHIMICI E DEI FISICI (di seguito e per brevità “FNCF”) nella persona del suo Presidente e legale rappresentate Dott.ssa Orlandi Nausicaa con la DETERMINA Presidenziale del 10.03.2020 che per tutti gli iscritti del territorio nazionale la scadenza di pagamento del contributo annuale dovuto alla FNCF per l’iscrizione all’Albo è spostata al 30 giugno 2020.

Evento 25-3 spostato sine die

10 Marzo 2020 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

A causa delle disposizioni e per promuovere la salute degli interessati l’evento promosso in collaborazione con la Camera di Commercio di Bolzano in programma il 25 marzo 2020 a Bolzano è rinviato sine die.

Seguiranno comunicazioni.

   1234567891011   >ultima