LISTA Candidati rinnovo direttivo Maggio 2013 Ordine dei chimici
Trentino Alto Adige
Cognome Nome Data di iscrizione
*1 Ansaloni Gabriele luglio-1980
2 Balato Vincenzo marzo-2013
4 Bentivoglio Gino gennaio-2010
3 Berti Gian Nicola (detto Nicola) gennaio-2011
5 Broccato Mirka novembre-2009
6 Ciesa Flavio maggio-2013
*7 Demattè Fabrizio aprile-2005
*8 Gerola Thomas marzo-2008
9 Giurin Gianumberto gennaio-1997
10 Mair Karl marzo-2010
*11 Melissano Marino ottobre-1979
12 Montinaro Dario aprile-2011
13 Moruzzi Giovanna ottobre-1985
*14 Pappalardo Tommaso marzo-2001
15 Perini Matteo marzo-2009
*16 Peruzzini Aldo ottobre-1984
*17 Verde Andreas giugno-1995
* consigliere uscente
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 8 luglio 2005, n.169
ART. 3
(Elezione dei consigli territoriali)
comma 11. L’elettore ritira la scheda elettorale, che prevede un numero di righe pari a quello dei consiglieri da
eleggere. L’elettore vota in segreto, scrivendo sulle righe della scheda il nome ed il cognome del candidato o
dei candidati per i quali intende votare tra coloro che sisono candidati ai sensi del comma 12. Si considerano
non apposti i nominativi indicati dopoquelli corrispondenti al numero dei consiglieri da eleggere. La scheda è
deposta chiusa nell’urna.
comma 12. Le candidature vanno indicate al consiglio dell’ordine fino a sette giorni prima della data fissata per la prima votazione. Il consiglio dell’ordine ne assicura l’idonea diffusione presso i seggi per l’intera durata delle  elezioni.
ART. 3 (Elezione dei consigli territoriali)
VOTO PER CORRISPONDENZA
comma 7. E’ ammessa la votazione mediante lettera raccomandata, ad ccezione che per l’elezione dei consigli provinciali. L’elettore richiede alla segreteria dell’ordine la scheda debitamente timbrata e, prima della
chiusura della prima votazione, fa pervenire la schedastessa, in una busta chiusa, sulla quale è apposta la firma del votante autenticata nei modi di legge, nonché la dichiarazione che la busta contiene la scheda di votazione, all’ordine, che la conserva sotto la responsabilità del presidente. Il presidente consegna le buste al presidente del seggio centrale alla chiusura della prima votazione. Ove sia raggiunto il quorum costitutivo, il presidente del seggio, verificata e fattane constatare l’integrità, apre la busta, ne estrae la scheda, senza aprirla, e la depone nell’urna. Ove non sia raggiunto il quorum, il voto espresso per corrispondenza concorre ai fini del calcolo dei quorum della seconda votazione. Di tali voti si tiene, altresì,conto nell’eventuale terza votazione. L’iscritto che ha esercitato il voto per corrispondenza può votare personalmente alla seconda e terza votazione.
Demattè Fabrizio

About Fabrizio Demattè

Consigliere dell'Ordine Trentino Alto Adige, delegato alla comunicazione, già referente per la formazione, referente per il GdL REACH/CLP. https://www.chimicodematte.net/