Cronaca del convegno 22-6-2018 Muse Trento

18 Luglio 2018 | 0 commento | in #REACH2018 | Homepage | Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

Si da pubblicità di alcune immagini del Convegno e la rassegna stampa.

RASSEGNA STAMPA TELEVISIONI

RASSEGNA STAMPA WEB

   Agenzia Opinione_14.06

 

 

 

 

    

 

 

 

LaVocedelTrentino_22.06

Panorama della sanità_15.06

Trentino_14.06

Trentino_23.6

 

 

 

 

Preparazione cartellette con postIT per domande o feedback, le ragazze in maglietta verde sono le studentesse dell’Itituto De Carniei che hanno prestato (ottimo) servizio volontario durante il convegno.

 

Reception relatori e professionisti

 Anche il Presidente Andreas Verde accoglie i convegnisti.

   Recepion per tutti gli altri partecipanti.

Dott.ssa Rahel Gebremariam che ha seguito la segreteria organizzativa del convengo e la reception generale.

 

Primi convegnisti arrivati.

 

Lo staff per gli ultimi dettagli.

INAIL e UOPSAL TN si incontrano e parlano negli spazi informali sul REACH

 

 

Intervista al dr. Michele Manica, chimico e sponsor del convegno.

   dr. Fabrizio Demattè nella presentazione del documento preparatorio e impostazione del convengo #REACH2018

                                                                                                                                                                                                                                                 

Nuova norma UNI EN 689:2018 per confrontare le misure con i valori limiti nell’aria

12 Luglio 2018 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

La norma UNI EN 689 del 1997 è stata aggiornata oggi 12 luglio 2018 con una nuova versione disponibile nello store UNI EN 689:2018

Titolo : Atmosfera nell’ambiente di lavoro – Misura dell’esposizione per inalazione agli agenti chimici – Strategia per la verifica della conformità coi valori limite di esposizione occupazionale
ICS : [13.040.30]
Sommario : La norma definisce una strategia per effettuare misure rappresentative dell’esposizione per inalazione ad agenti chimici in modo da dimostrare la conformità coi limiti di esposizione occupazionale (OELVs). La presente norma europea non è applicabile a OELVs con periodi di riferimento inferiori ai 15 minuti.
Questa norma è fondamentale per poter comprendere se la misura effettuata con tecniche analitiche e il suo confronto con un valore soglia.
Si applica in particolare agli ambienti di lavoro per poter dire con strumenti scientifici e statistici robusti se un ambiente può presentare delle problematiche per la salute umana.

Apertura ufficio

12 Luglio 2018 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Prima Pagina | di Demattè Fabrizio
See the full read

Martedi 17 luglio 2018 gli uffici della segreteria sono chiusi per corso di aggiornamento.

Comunicato stampa

15 Giugno 2018 | 0 commento | in #REACH2018 | di Demattè Fabrizio
See the full read

SALUTE, AMBIENTE E COMPETITIVITÁ: IL RUOLO DELLA CHIMICA
Dopo 12 anni i regolamenti europei REACH e CLP sulla disciplina delle sostanze chimiche sono pienamente in vigore dal primo giugno 2018.

REACH e CLP, due regolamenti europei di controllo della pericolosità delle sostanze chimiche presenti in prodotti di uso quotidiano, dal primo giugno 2018 impongono controlli per la tutela della salute e dell’ambiente. A Trento, un convegno curato dall’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige, in programma il prossimo 22 giugno, informa e approfondisce il significato di queste nuove norme.

Si terrà venerdì 22 giugno presso il MUSE – Museo delle Scienze di Trento il convegno SALUTE, AMBIENTE E COMPETITIVITÁ: IL RUOLO DELLA CHIMICA, organizzato dall’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige in stretta collaborazione con Confindustria Trento, per la direzione scientifica di Fabrizio Dematté.
Il convegno è stato presentato stamattina in una partecipata conferenza stampa.
Focus dei lavori dell’intera giornata di studio saranno i regolamenti REACH e CLP e le novità volute dalla Comunità economica europea in tema di sostanze chimiche e, in particolare, di quelle pericolose. Dopo 12 anni dalla prima emanazione di REACH, infatti, dal primo giugno 2018, i regolamenti sono pienamente in vigore. Il REACH e CLP sono due regolamenti europei (Reg. 1907/2006 e Reg.1272/2008) adottati per assicurare una sempre maggiore protezione della salute delle persone e dell’ambiente dai rischi delle sostanze chimiche. Si tratta di regolamenti complementari: CLP armonizza i criteri di classificazione dei pericoli, REACH è il sistema di registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanze chimiche. Sono 21.551 le sostanze che sono state registrate entro il primo giugno e ad oggi costituiscono uno dei più corposi registri pubblici al mondo: informazioni in merito alle proprietà chimiche, fisiche e tossicologiche di sostanze presenti in tutti gli oggetti di uso quotidiano. REACH e CLP si riferiscono infatti non solo a quelle sostanze utilizzate nei processi industriali, ma anche a tutte quelle presenti nei detergenti, nelle vernici, nei giocattoli, negli abiti, nei mobili, in campo elettronico e in tutti gli altri oggetti che fanno parte della quotidianità. È sostanza chimica soggetta ai attenzione, per esempio il Bisfenolo A, utilizzata per costituire la carta termica degli scontrini fiscali e, in passato, nelle tettarelle dei lattanti. Oppure le sostanze usate per tingere i vestiti, i pigmenti dei tatuaggi, le sostanze che servono a chiarificare le acque potabili. O ancora l’arsenico dei vetri di Murano e la formaldeide in alcuni contenitori per alimenti. Questi temi si ritroveranno fortemente negli interventi proposti durante il convegno, che vuole rappresentare non solo uno spazio di riflessione per addetti ai lavori, piuttosto un momento di informazione, divulgazione e formazione trasversale al quale l’intera cittadinanza è invitata. Hanno aderito soggetti molto diversi tra loro, dal mondo produttivo, istituzionale, sociale, assicurativo che, rispondendo positivamente all’appello lanciato dall’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige hanno dimostrato di riconoscere che lo studio della pericolosità dei “chemicals” e la comunicazione degli esiti è una questione di pubblico interesse. I regolamenti impongono infatti dei controlli a tutto il sistema produttivo con verifiche relative all’utilizzo che ne viene fatto, proponendosi come strumento per stimolare la competitività e l’innovazione.
NO DATA NO MARKET è il titolo dell’articolo 5 del regolamento REACH e rappresenta una scelta precisa, oltre che un grande elemento di innovazione di REACH: per “data” in quel che vuole essere ben più che uno slogan, si intendono i dati sulle sostanze in circolazione che devono essere ottenuti attraverso studi specifici e depositati dalle stesse realtà produttrici e non più dalle istituzioni. Per le aziende si tratta di un costo ingente e di un forte invito alla responsabilità, ma anche di un impulso alla competitività: secondo gli scenari più plausibili e desiderati, infatti, il miglioramento del controllo delle sostanze pericolose sarà dettato dal mercato stesso che sta già naturalmente andando verso prodotti più salubri all’aumentare della consapevolezza. A questo scopo il convegno organizzato a Trento intende portare all’attenzione pubblica un nuovo modo di approcciarsi alle sostanze pericolose. I cittadini sono i primi interessati che, in quanto consumatori, hanno ora diritti di informazioni sulle sostanze contenute in articoli che prima non avevano. Ma anche alle piccole o piccolissime imprese che sono rimaste a guardare l’intero processo di applicazione, assumendosi in questo modo un elevato rischio di rimanere escluse dal mercato per prodotti non conformi. Il programma del mattino prevede – dopo i consueti saluti da parte del presidente dell’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige Andreas Verde e del direttore scientifico del convegno Fabrizio Dematté – interventi di Riccardo Ceccato, docente delegato del Rettore dell’Università degli Studi di Trento per la sicurezza, Nausicaa Orlandi, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e Fisici, Alfred Aberer della Camera di Commercio della Provincia di Bolzano. Con l’intervento dal titolo Nel panorama europeo: quanto si è fatto e quanto si farà in Italia sarà a Trento Luigia Scimonelli del Ministero della Salute – autorità competente REACH nazionale e a chiudere la mattinata sarà Flavio Ciesa, del gruppo tecnico di esperti REACH delle Regioni e Province autonome con l’intervento intitolato Cosa è REACH per i diversi portatori di interesse dall’industria che produce al consumatore che acquista. La seconda parte della mattinata sarà invece caratterizzata da altri due interventi: il primo di Daniela Donati, vice direttrice INAIL Trento, sul tema Rischio chimico negli ambienti di lavoro: sviluppare la conoscenza come volano per la prevenzione, il secondo curato da Emanuele Marchi, vice presidente sezione Chimica, Vetro, Gomma, Plastica di Confindustria Trento dal titolo Il peso del regolamento REACH e la responsabilità sociale d’impresa. A moderare il convegno sarà Andrea Tapparo, docente all’Università di Padova.
Il pomeriggio i lavori riprendono alle 14.30, quando, contemporaneamente, si terranno tre diversi tavoli tematici. Il primo, dal titolo REACH PER TUTTI, è un tavolo di primo approfondimento delle tematiche, si rivolge ad un pubblico senza una formazione scientifica specifica (giornalisti, avvocati, consumatori, insegnanti, studenti, cittadini). Prevede diversi interventi sulla diffusione delle sostanze chimiche nei più diversi ambiti della quotidianità. Il secondo tavolo di confronto è invece intitolato SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE TRA SALUTE E AMBIENTE. LE BUONE PRATICHE, si rivolge prevalentemente a professionisti del settore e sarà strutturato con esposizioni di casi studio. Infine il workshop INDUSTRIALI E REACH, promosso dalle associazioni industriali provinciali in collaborazione con Federchimica ed Ordine Regionale dei Chimici, rivolto ad un pubblico con interesse sul mondo dell’imprenditoria. Interverranno rappresentanti delle imprese: Sandoz, Manica, MEMC, Al termine del pomeriggio è previsto un momento in cui i tre moderatori tireranno le conclusioni dei lavori. Il convegno è organizzato dall’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige, con il contributo e il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento. Con la collaborazione di: Confindustria Trento, Altroconsumo, MUSE, Società di scienze naturali del Trentino, Camera di Commercio dell’Alto Adige. È patrocinato da: Provincia autonoma di Bolzano, INAIL Direzione provinciale di Trento e Bolzano, Federazione Nazionale dei Chimici e dei Fisici, Università degli Studi di Trento, Società Chimica Italiana/Sezione di Trento, Azienda provinciale per i Servizi Sanitari del Trentino. Crediti Formativi Professionali riconosciuti da: Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige, Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali del Trentino Alto Adige, Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trento, Ordine Regionale dei Geologi del Trentino Alto Adige, Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Trento, Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto Adige. Aderiscono all’iniziativa: Ordine dei Medici Bolzano, Italia Nostra Bolzano, Associazione Artigiani Trentino, Legambiente Trento, Legambiente Bolzano, Istituto Ivo De Carneri, ITT Buonarroti Pozzo, Associazione Lo Scudo, Ordine degli Ingegneri della Provincia autonoma di Bolzano, Ordine degli Ingegneri della Provincia autonoma di Trento. Sponsor: E-Pharma, Kemira, Manica, Casse Rurali del Trentino, Zobele Group, Novartis. L’IMMAGINE Un ragazzino che maneggia con destrezza i pittogrammi: è questa l’immagine voluta dall’organizzazione e realizzata dal giovane illustratore trentino Davide Bolognani per dare un’identità grafica al convegno del prossimo 22 giugno. Il ragazzino sembra avere 12 anni, esattamente il tempo trascorso dalla prima emanazione del REACH, e con maestria e fiducia muove tra le mani i pittogrammi che indicano la pericolosità delle sostanze chimiche, raccontando graficamente che una maggiore consapevolezza porta a una maggiore sicurezza e fiducia nel futuro.

Salute ambiente competitività: il ruolo della chimica – ISCRIZIONI

1 Giugno 2018 | 0 commento | in #REACH2018 | Homepage | di Demattè Fabrizio
See the full read

 

Sono aperte le iscrizioni al convegno SALUTE AMBIENTE COMPETITIVITÀ: IL RUOLO DELLA CHIMICA, organizzato dall’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige.

Il convegno si terrà il prossimo 22 giugno presso il Muse di Trento a partire dalle ore 8.30 ed è aperto a tutti.

Aderiscono e riconosceranno ai propri iscritti i Crediti Formativi Professionali: l’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige, la Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali del Trentino Alto Adige, l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trento, l’Ordine Regionale dei Geologi del Trentino Alto Adige, il Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Trento, l’Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto Adige.

Per consultare il programma clicca qui

Per l’iscrizione clicca qui

Contatti
ordinechimicitaa@gmail.com
350 0229278
(orario: 9.00-12.00)

 

Salute, ambiente e competitività: il ruolo della chimica – PROGRAMMA

31 Maggio 2018 | 0 commento | in #REACH2018 | Homepage | di Demattè Fabrizio
See the full read

Dopo 12 anni i regolamenti europei REACH e CLP sulla disciplina delle sostanze chimiche sono pienamente in vigore dal primo giugno 2018

Si terrà al Muse di Trento il prossimo 22 giugno il convegno organizzato dall’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige sull’entrata in vigore dei regolamenti europei REACH e CLP che disciplinano le sostanze chimiche.

Molti gli ordini professionali che aderiscono e che riconosceranno ai propri iscritti i crediti formativi per la partecipazione al convegno: l’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige, la Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali del Trentino Alto Adige, l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trento, l’Ordine Regionale dei Geologi del Trentino Alto Adige, il Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Trento, l’Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto Adige.
Le iscrizioni sono obbligatorie per tutti (iscritti ai vari ordini e non) e rimarranno aperte fino al 19 giugno a questo link: https://bit.ly/2H8Jg2Y

IL PROGRAMMA

—– Ore 8:30 —–

Accreditamento e firme per i richiedenti crediti formativi professionali

—— ore 9:00 —–

Introduzione convegno dott. chim. Demattè Fabrizio direttore scientifico del convegno
Che cos’è REACH: una norma di prodotto, una rivoluzione, una grande opportunità per la salute e l’ambiente, un grosso carico per il sistema economico, pienamente operativo dopo la data storica del primo giugno 2018

Benvenuto del moderatore prof. Andrea Tapparo Università degli Studi di Padova

Saluti istituzionali

dott. chim. Andreas Verde Presidente Ordine regionale dei Chimici Trentino Alto Adige

prof. Riccardo Ceccato Delegato del Rettore dell’Università degli Studi di Trento per la sicurezza

● dott. chim. Nausicaa Orlandi Presidente Federazione Nazionale dei Chimici e Fisici

● dott. Alfred Aberer Camere di Commercio Provincia di Bolzano

Interventi

● dr.ssa Luigia Scimonelli, Ministero Salute – autorità competente REACH Nazionale
Nel panorama europeo: quanto si è fatto e quanto si farà in Italia

● dott. Flavio Ciesa, gruppo tecnico di esperti REACH delle Regioni e Province autonome
Cosa è REACH per i diversi portatori di interesse dall’industria che produce al consumatore che acquista

——-Ore 11:15 Coffee Break (10 minuti)——-

 Interventi

● dott. ssa Daniela Donati, vice direttrice INAIL Trento
Rischio chimico negli ambienti di lavoro: sviluppare la conoscenza come volano per la prevenzione

● dott. Emanuele Marchi, vice presidente sezione Chimica, Vetro, Gomma, Plastica di Confindustria Trento Confindustria
Il peso di un regolamento e la responsabilità sociale d’impresa

Q&A

——-Ore 12.20——-

Sintesi della mattinata e presentazione delle tre tavole tematiche del pomeriggio

——-Pausa pranzo——-

——-Ore 14:30 Tre tavole tematiche parallele——-

1. REACH PER TUTTI

Tavolo di primo approfondimento delle tematiche. Si rivolge ad un pubblico senza una formazione scientifica specifica: Giornalisti, Avvocati, Consumatori, Insegnanti, Studenti.

Modera prof. Claudio Della Volpe Università degli Studi di Trento

Sostanze pericolose nei pigmenti per tatuaggi
ing.chim. Alberto Gistri (Imparaora – agenzia formativa)

Sostanze pericolose nei materiali a contatto con alimenti
dott. Massimo Ferrari 

Sostanze pericolose nei tessuti
dr.ssa chim. Carla Sperotto  (Ritex srl)

Consumatori che scoprono il REACH per proteggersi
dr.ssa Alice Rovati (Altroconsumo)

Le fonti contro le fake news scientifiche
dott. Fabrizio Franchi Ordine dei Giornalisti TAA

Le associazioni ambientaliste che conoscono e usano il REACH
p.e. Mauro Facchinelli Legambiente TAA

Confronto e domande tra i presenti.

 

2. SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE TRA SALUTE E AMBIENTE. LE BUONE PRATICHE

Tavolo di approfondimento prevalentemente rivolto a professionisti del settore. Strutturato con esposizioni di casi studio

Modera prof. Andrea Tapparo Università degli Studi di Padova

Valutazione della sicurezza chimica, scenari di esposizione ed usi consentiti.
dott. chim. Claudio Correzzola INAIL

Restrizioni nelle pieghe delle esenzioni REACH sui polimeri.
dott. chim. Tommaso Pappalardo

Caso veneto dell’Arsenico con i maestri vetrai e le ripercussioni ambientali
dott. Massimo Peruzzo AUSL Veneto

Caso Fluoro alchilati nelle acque venete PFAS. Dallo studio alla restrizione REACH
dott. chim. Massimo Fant Acque del chiampo spa

Liste delle sostanze preoccupanti per il REACH e nuove tecniche analitiche
dott. chim. Flavio Ciesa APPA Bolzano Confronto e domande tra i presenti

 

3. INDUSTRIALI E REACH

Workshop promosso dalle associazioni industriali provinciali in collaborazione con Federchimica ed Ordine Regionale dei Chimici

Modera dott. Emanuele Marchi vice presidente sezione Chimica, Vetro, Gomma, Plastica di Confindustria Trento

Saluti di apertura
dott. Emanuele Marchi, Vice Presidente sezione Chimica, Vetro, Gomma, Plastica, Confindustria Trento (Zobele Group)

dott. Mirco Brusco, Presidente del Gruppo Chimiche e Plastiche, Assoimprenditori Alto Adige (Röchling Automotive ITALIA Srl)

Intermedi di reazione: problematiche e soluzioni
dott. Carmine Parletta, Site HSE Head, Sandoz SpA Gruppo Novartis

L’impatto del REACH sulla produzione. Opportunità per le imprese ed elementi di criticità
dott. Claudio Pasolli,  direttore di stabilimento MEMC Electronic Materials SpA

Esperienza aziendale come lead registrant in ambito REACH
dott. chim. Renato Rosà, HSE Specialist, Manica SpA

Principali criticità e strategie per gestire le normative REACH in aziende chimiche e non chimiche
dr.ssa Ilaria Malerba, Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale, Direzione Centrale Tecnico Scientifica, Federchimica

Conclusioni
dott. chim. Andreas Verde, Presidente Ordine regionale dei Chimici del Trentino Alto-Adige

Confronto e domande tra i presenti

——-Ore 17:30 ——-

Sintesi in plenaria conclusioni dei tre moderatori.

Consegna dei test di apprendimento

Saluti e ringraziamenti

——-Ore 18:00 Chiusura dei lavori ——-

Orari estivi uffici

30 Maggio 2018 | 0 commento | in Homepage | Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

Si comunica che dal 4 giugno al 14 settembre p.v. la segreteria dell’Ordine seguirà il seguente orario per il pubblico:

lunedi e martedi dalle ore 9.00 alle ore 14.00
mercoledi dalle ore 9.00 alle ore 17.00
giovedi e venerdi dalle ore 9.00 alle ore 14.00

Documento preparatorio convegno

29 Maggio 2018 | 0 commento | in #REACH2018 | di Demattè Fabrizio
See the full read

22 giugno 2018    MUSE- Trento

Salute, ambiente e competitività:

il ruolo della chimica

Dopo 12 anni i regolamenti europei REACH e CLP sulla disciplina delle sostanze chimiche sono pienamente in vigore dal primo giugno 2018

L’Ordine Regionale dei Chimici del Trentino Alto Adige – Südtirol organizzerà venerdì 22 giugno 2018 presso il MUSE a Trento un convegno riguardante i regolamenti REACH e CLP. Nostro scopo è portare all’attenzione del tessuto economico e sociale le novità volute dalla Comunità economica europea in tema di sostanze chimiche, ed in particolare quelle pericolose.

Abbiamo scelto come immagine un dodicenne (perché questo è il tempo trascorso dalla prima emanazione del REACH) il quale maneggia con destrezza i pittogrammi  (CLP) che rappresentano graficamente la pericolosità delle sostanze chimiche interessate dal regolamento.

 

Molti “portatori di interesse” contattati in mesi di preparazione (mondo produttivo, istituzionale, sociale e assicurativo) hanno risposto positivamente all’iniziativa riconoscendo lo studio della pericolosità dei chemicals, la loro valutazione e comunicazione una cosa non soltanto da chimici bensì una questione di pubblica.

 

REACH e CLP sono due regolamenti europei di fondamentale importanza (Reg. 1907/2006 e Reg.1272/2008) adottati per migliorare la protezione della salute dell’uomo e dell’ambiente dai rischi delle sostanze chimiche ed è rivolto non solo a quelle utilizzate nei processi industriali, ma anche a quelle presenti, nei detergenti, nelle vernici, nei giocattoli, negli abiti, nei mobili, in campo elettronico, cioè nel quotidiano. Ben narrato dalle grafiche di questo sito. https://chemicalsinourlife.echa.europa.eu

Bisfenolo A, noto interferente endocrino utilizzato negli scontrini del bar ed in passato nelle tettarelle dei lattanti, sostanze utilizzate per trattare e tingere i nostri vestiti, pigmenti utilizzati nei tatuaggi, sostanze utilizzate per chiarificare le nostre acque potabili, arsenico nei vetri di Murano, e formaldeide ceduta da alcuni contenitori per alimenti, sono alcuni dei temi di cui discuteremo sicuri della loro importante ricaduta nel nostro quotidiano.

 

Tali regolamenti impongono a tutto il sistema produttivo europeo uno studio circa la pericolosità o non pericolosità delle sostanze utilizzate in funzione dell’utilizzo che poi ne verrà fatto e si propongono come strumento per stimolare la competitività e l’innovazione: secondo il legislatore europeo sarà il mercato stesso a mettere al bando le sostanze più pericolose.

 

“No data no market” è il titolo dell’articolo 5 del REACH, ad una lettura superficiale può sembrare un semplice slogan ma  è invece una scelta precisa ed elemento di forza innovatrice di REACH.  Come “data” si intendono i dati sulle sostanze in circolazione, che devono essere prodotti con studi ad hoc e pagati non più dalle istituzioni ma da chi pone la sostanza sul mercato. Secondo gli scenari del legislatore il controllo delle sostanze pericolose sarà dettato dal mercato stesso che sta già naturalmente andando verso prodotti più salubri all’aumentare della consapevolezza.

 

In questi 12 anni di applicazione la normativa di prodotto REACH  ha delineato quattro importanti nodi da sciogliere:

  1. Chi produce le sostanze industrialmente è già attivo nel loro studio e nella registrazione delle stesse fin dal 2007, ma il mondo delle piccole o micro imprese che acquistano sostanze e le mescolano è ancora lontano sia dall’utilizzare le informazioni che le prime mettono a disposizione e dall’applicare in conseguenza REACH e CLP.
  2. Chi commercia i beni non è ancora bene informato circa le opportunità offerte e circa gli obblighi e le sanzioni della normativa. Sottovalutando perlopiù questo aspetto questo settore si è assunto, inconsapevolmente, un rischio di “no market” ovvero il blocco del mercato per articoli non conformi.
  3. I consumatori hanno il diritto di conoscere, se presenti negli oggetti che stanno acquistando, il contenuto in sostanze particolarmente preoccupanti (SVHC). Ma ancora non sono consapevoli di questo importante strumento.
  4. Intercettare alla fonte sostanze che si rivelano essere pericolose permetterebbe di evitarne la loro diffusione in ambiente. l’ambito di tutela ambientale scaturito dal REACH è ancora molto poco sviluppato e la stessa norma sociale di tutela dell’ambiente non ha recepito i molteplici cambiamenti linguistici di REACH e CLP.

 

Per questo il 22 giugno a Trento, presso MUSEluogo dove la scienza incontra l’umanità”, l’Ordine regionale dei chimici TAA ha organizzato un convegno con una ventina di relatori che scambieranno e forniranno informazioni sulla applicazione della nuova disciplina della chimica in Europa

 

Come il ragazzino dell’immagine maneggia con destrezza i pericoli guardando con ottimismo al futuro, condividiamo questo momento con chiunque vorrà partecipare all’evento, registrandosi sul sito www.chimicifisicitaa.org. Iscrizione obbligatoria, gratuita per i cittadini 20€ per professionisti.

 

La cura delle malattie scaturisce dall’evidenza contingente mentre l’investimento in prevenzione parte dalla lungimiranza di amministratori saggi.  

 

Evento in Facebook https://www.facebook.com/events/242691492947295/

 

Assemblea Ordinaria Ordine Regionale dei Chimici TAA 2018

15 Maggio 2018 | 0 commento | in Bilanci | Homepage | Notizie | di Demattè Fabrizio
See the full read

Cari Colleghi, vi invito cordialmente a partecipare all’Assemblea generale dell’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige,

che si terrà mercoledì 13 giugno 2018 ad ore 03.00 in prima convocazione e

Venerdì 15 GIUGNO 2018 AD ORE 20.00 in seconda convocazione

presso la sede dell’Ordine dei Chimici del Trentino Alto Adige in Via Zambra 14, a Trento.

Ordine del Giorno:

1. Relazione del Presidente

2. Lettura ed approvazione del Bilancio consuntivo esercizio 2017

3. Presentazione bilancio preventivo esercizio 2018

 

Il Presidente

(dott. chim. Andreas Verde)

 

bilancio consuntivo anno 2017 OTCTAA

Convovazione assemblea iscritti 15.06.2018

 

Si prega di segnarsi la data del 22 giugno 2018 giornata del convegno regionale promosso dal nostro ordine. NEWS qui

Pagamento quote 2018

20 Marzo 2018 | 0 commento | in Homepage | Notizie | Pagamenti | Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici | di Demattè Fabrizio
See the full read

Quest’anno anche l’Ordine Regionale del Trentino Alto Adige ha aderito ad una importante innovazione per la riscossione del dovuto contributo annuale. Ci auguriamo che questi strumenti rendano più agevole il pagamento e evitino spiacevoli richiami o ancor più odiosi deferimenti al Consiglio di Disciplina. 

 

 

 Si riporta la comunicazione pervenuta dal Consiglio Nazionale Dei chimici. 

Riscossione contributo annuale al Consiglio Nazionale dei Chimici – anno 2018
domenica 11 marzo 2018 – 00:38
 
Vi informiamo che a partire dal 14 marzo 2018 sarà possibile procedere al pagamento della quota di iscrizione annuale con un sistema innovativo e flessibile, attivabile direttamente dal portale del sito del Consiglio Nazionale dei Chimici, cliccando sul relativo banner, o collegandoti al seguente link www.chimpay.it che sostituisce il precedente sistema di invio a domicilio dell’iscritto di una comunicazione cartacea contenente il bollettino da pagare. Pertanto a partire dal 2018 nessuna comunicazione sarà recapitata a casa degli iscritti.

L’importo da versare per il 2018 è di 100,00 Euro, comprensivo di diritti di segreteria e rimborsi spese di esazione, per le persone fisiche, e di 200,00 Euro per le Società tra Professionisti (STP) iscritte nell’Albo.

L’importo effettivo da versare entro il 07 APRILE  2018 è quello riportato sulla piattaforma www.chimpay.it.

Se l’importo è diverso da quello sopra indicato, significa che risultano versamenti parziali a Suo credito o quote pregresse e sanzioni da recuperare, non iscritte a ruolo.

Per i pagamenti effettuati dopo 07 APRILE  2018 è dovuta, in aggiunta agli importi sopra indicati, la sanzione per ritardato pagamento, pari a 10,00 Euro.

Inoltre con alcuni Ordini territoriali è stata avviata la riscossione congiunta delle quote; pertanto saranno riscosse unitamente a quelle determinate dal Tuo Ordine di appartenenza, con un unico pagamento

Abbiamo adottato il cosiddetto MAV elettronico, un sistema che consente di generare il proprio bollettino direttamente dal portale, rendendolo sempre disponibile ed eliminando in tal modo ogni rischio di smarrimento o di problemi derivanti da possibili disguidi postali.

Tale piattaforma Ti consentirà di selezionare diverse modalità di pagamento con le quali potrai pianificare e procedere alla regolarizzazione della iscrizione annuale, in modo comodo e sicuro, scegliendo una delle seguenti opzioni:

1)   addebito diretto (SEPA) con domiciliazione su conto corrente;

2)   carta di credito;

3)   conto PayPal;

4)   MAV elettronico

Esclusivamente se opterai per l’addebito diretto con domiciliazione su Conto Corrente Bancario, Ti sarà consentito di pagare il contributo annuale fino a 3 rate mensili ma entro il 31 luglio 2018, da riconoscere, senza interessi e sanzioni,

La quota per il 2018 dovuta al Consiglio Nazionale dei Chimici è così sintetizzabile:

termini di pagamento quota annuale
Persone fisiche entro il 7 aprile 2018 € 100,00
Persone fisiche Dall’8 aprile al 31 dicembre 2018 € 110,00
STP entro il 7 aprile 2018 € 200,00
STP Dall’8 aprile al 31 dicembre 2018 € 210,00

In funzione della modalità di pagamento prescelta, potranno essere addebitate possibili commissioni di gestione incasso, indicate chiaramente nella procedura di pagamento presente sul portale.

COME PROCEDERE AL PAGAMENTO

Per procedere al pagamento della quota di iscrizione è sufficiente seguire le seguenti istruzioni.

  1. collegarsi al sito www.chimpay.it e richiedere le proprie credenziali con l’apposito tasto presente nella homepage.
  2. dopo aver inserito le proprie credenziali, verrà visualizzata in automatico la pagina “verifica quote” che mostra la propria quota da pagare
  3. cliccare sulla riga relativa alla quota da pagare per visualizzare i dettagli (data di scadenza, tipologia quota, mora di ritardato pagamento, …)
  4. cliccare sul tasto in basso “procedi al pagamento”, scegliere la modalità di pagamento preferita e seguire le istruzioni mostrate a video.

Per facilitare l’iscrizione al portale nei prossimi giorni riceverai una comunicazione dal seguente indirizzo email pagamentoiscrizione.consiglionazionalechimici@pec.it con un messaggio che conterrà un link da cliccare per creare in tempo reale le tue credenziali di accesso al portale senza digitare alcun dato personale.

ASSISTENZA TECNICA ED INFORMATIVA

Qualora necessitassi di qualunque informazione e supporto alla procedura di pagamento, è necessario utilizzare la funzione “Assistenza” disponibile nella homepage del sito www.chimpay.it

Scusandomi per l’eventuale disagio iniziale arrecato dall’adozione delle nuove procedure e con l’augurio che tale innovazione possa facilitarti e semplificarti il pagamento una volta messa a regime la procedura, Ti saluto cordialmente.

primo<   1234567891011   >ultima